Visita all’Heritage HUB di FCA

Il 2 aprile é stato inaugurato negli spazi dell’ex officina 81 di Via Plava a Torino, zona Mirafiori, l’Heritage HUB. L’ambiente é molto vasto e luminoso, la superfice é di 15.000 mq, le auto esposte sono più di 250 ed appartengono ai marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth, tra le quali alcune mai mostrate al pubblico. L’area centrale comprende otto mostre tematiche, ciascuna comprendente 8 auto per un totale di 64 soggetti. La prima con il nome “Archistar” é rivolta all’architettura delle auto il cui progetto ha tenuto conto di esigenze funzionali e produttive. Qui troviamo le Lancia Lambda e Flavia, le Fiat 500 A, 600, Panda e Uno. Segue “Conceptes and “fuoriserie” nella quale spiccano la Fiat 130 Familiare utilizzata dalla famiglia Agnelli, l’Abarth 2400 coupé Alemanno auto personale di Karl Abarth, le Lancia Astura carrozzata Farina e Aurelia Loraymo. “Eco and sustainable” é la parte che espone delle auto, come la X1/23 a propulsione elettrice e la Ecobasic del 1999 che già tempo fa erano state progettate per avere un basso impatto ambientale sia nell’utilizzo che durante la produzione e lo smaltimento. “Epic journeys” evidenzia un gruppo di vetture protagoniste di viaggi incredibili e competizioni in ambienti particolarmente difficili: la Fiat Campagnola A.R. 51 che nel 1952 attraversò l’Africa da Città del Capo ad Algeri, la Fiat Abarth 131 diesel che vinse nel 1977 il Raid Londra-Sidney, la Lancia Delta HF Integrale gr.A che si classificò prima all’East African Safari del 1988. “Records and races” propone degli autoveicoli realizzate per le gare su pista o per dei tentativi di record come la Fiat S61, la Lancia Alpha 12 HP sport, entrambe del 1908. Accanto a questi soggetti sono parcheggiate le Lancia D50, Beta Montecarlo Turbo e LC2 e un trio di auto da record realizzate dall’Abarth. “Small and safe” mette in mostra come l’azienda si sia sempre interessata alla sicurezza attiva e passiva delle auto prodotte partendo dalla innovativa Lancia Augusta del 1933 sino alle ESV 1500 e 2000. La sezione “Style marks”riunisce alcune auto di epoche diverse e dalla forte personalità che hanno rappresentato con rara efficacia l’identità dei rispettivi marchi. Basti parlare della elegantissima Lancia Aurelia B20 e della grintosa Fiat Dino spider mirabilmente disegnata dalla Pininfarina. L’ultima area é forse quella piu amata dagli appassionati, la “The rally era”, con le vittoriose protagoniste di tanti rally come la Lancia Fulvia HF 1600 prima classificata al Rally di Monte Carlo del 1972, la Lancia Stratos HF, le Fiat 124 Abarth Rally, 131 Abarth Rally, Lancia Delta HF Integrale. L’HUB é anche la sede dell’ FCA Heritage che si occupa anche del restauro e della certificazione delle auto del passato. Tramite un negozio on-line é possibile acquistare  la cassetta di trasformazione Abarth per la Fiat 500, lubrificanti per auto storiche, riproduzioni di libretti uso e manutenzione e vari automobilia legati ai marchi del gruppo. L’HUB FCA non é ancora aperto al pubblico. Per maggiori informazione il sito internet: www.fcaheritage.com/it

Il grande e luminoso capannone che ospita l’Heritage HUB

On 2 April the Heritage HUB was inaugurated in the spaces of the ex workshop 81 in Via Plava in Turin, Mirafiori area. The environment is very large and bright, the surface is 15,000 square meters, the cars on display are more than 250 and belong to the Fiat, Lancia, Alfa Romeo and Abarth brands, some of which are never shown to the public. The central area includes eight thematic exhibitions, each including 8 cars for a total of 64 subjects. The first with the name “Archistar” is aimed at the architecture of cars whose project has taken into account functional and productive needs. Here we find the Lancia Lambda and Flavia, the Fiat 500 A, 600, Panda and Uno. It follows “Conceptes and fuoriserie ” with the Fiat 130 Familiare used by the Agnelli family, the Abarth 2400 coupe Alemanno personal car by Karl Abarth, the Lancia Astura with bodywork Farina and Aurelia Loraymo. “Eco and sustainable” is the part that exposes cars, such as the X1 / 23 with electric propulsion and the 1999 Ecobasic that already long ago were designed to have a low environmental impact both in use and during production and disposal . “Epic journeys” highlights a group of cars that are protagonists of incredible journeys and competitions in particularly difficult environments: the Fiat Campagnola A.R. 51 which in 1952 crossed Africa from Cape Town to Algiers, the Fiat Abarth 131 diesel which won the London-Sidney Raid in 1977, the Lancia Delta HF Integrale gr.A which ranked first at the 1988 East African Safari. “Records and races” proposes vehicles built for track races or for record attempts such as the Fiat S61, the Lancia Alpha 12 HP sport, both from 1908. Next to these subjects are the Lancia D50, Beta Montecarlo Turbo and LC2 and a trio of record cars built by Abarth. “Small and safe” shows how the company has always been interested in the active and passive safety of cars produced starting from the innovative Lancia Augusta of 1933 up to the ESV 1500 and 2000. The “Style marks” section brings together some cars from different eras and by the strong personality that have represented with rare effectiveness the identity of the respective brands. Suffice it to mention the very elegant Lancia Aurelia B20 and the gritty Fiat Dino spider admirably designed by Pininfarina. The last area is perhaps the most loved by enthusiasts, the “The rally era”, with the victorious protagonists of many rallies such as the Lancia Fulvia HF 1600 ranked first in the 1972 Monte Carlo Rally, the Lancia Stratos HF, the Fiat 124 Abarth Rally, 131 Abarth Rally, Lancia Delta HF Integrale. The HUB is also the headquarters of the FCA Heritage which also deals with the restoration and certification of cars of the past. Through an online store it is possible to buy the Abarth conversion box for the Fiat 500, lubricants for historic cars, reproductions of use and maintenance booklets and various automobilia linked to the group’s brands. The FCA HUB is not yet open to the public. To know more: www.fcaheritage.com/it
 

Una fitta trafila di vetture Fiat degli anni ’90

Le Delta HF da rally e non ce ne sono solo tre…

Anche le Lancia sono ottimamente rappresentate

Abarth 1000 monoposto da record classe G del 1965

Fiat S61. Fra il 1908 e il 1912 colse allori in Europa e negli Stati Uniti

La Lancia D24 un tempo visibile al Museo Lancia, ora integrato con l’Heritage HUB

Lancia Delta ECV2, prototipo da 600cv a 8000 giri del 1986

Lancia LC2, prototipo per il Campionato Mondiale Sportprototipi Gruppo C

Fiat 500 eleborazione  Abarth, che nel 1957 stabilì sei record

La paciosa Fiat 500C giardinetta legno con le fiancate di masonite

La Fiat Campagnola del raid Algeri-Città del Capo (e ritorno) del 1952

La Fiat ESV della classe di peso 2000 libbre, del 1971

Fiat City Taxi, prototipo di auto pubblica del 1968

Fiat Dino Spider 2400

Lancia Theta Coupé de Ville 1915

Lancia Aurelia B15, versione lunga con 7 posti di cui 2 su strapuntini

La Fiat 130 Station Wagon appartenuta alla famiglia Agnelli

Gianni Agnelli amava anche questa semplice 131 Mirafiori (sotto il cofano però montava un 2000)

Lancia Flavia 1,8 berlina del 1963

Lancia K limousine. Ne furono costruite pochissime

Scocca incompiuta di una Lancia Thesis Limousine

Alfa Romeo 8C Competizione spider

Alfa Romeo Giulietta Safety car

Prototipo Fiat 126 Cavalletta del 1976

La Fiat 1100E a passo lungo

Fiat 1100 E carrozzata giardinetta 3 porte da Monterosa.

Nel 1950 il suo proprietario viaggiò in 3 continenti percorrendo 72.000 km in 33 Paesi

Prototipo Fiat X1/23 del 1972

Elegante studio di utilitaria Fiat X1/75 del 1986

Fiat Zic, 1994

Fiat Zicster, 1996

Lancia Nea, 2002

Fiat Barchetta coupé concept 1996, una proposta di Maggiora che non ebbe seguito

Due Fiat Campagnola nella versione Station Wagon

Prototipo Fiat Downtown del 1993

Lada Oka, un progetto Fiat per una bicilindrica da costruire in Russia

L’eccellenza Lancia è ancora tenuta in considerazione all’Heritage

Una Lancia Stratos HF nella colorazione dello sponsor Alitalia

La dimenticata (e poco rimpianta) Delta HF di seconda generazione

Una Alfa Romeo GT Bertone con una curiosa customizzazione

La Fiat Panda 4×4 cingolata

Il cruscotto della Fiat 500 Barbie

Fiat Panda Marrakech concept 2003

Il poderoso Fiat Oltre del 2005 oggi farebbe ancora furore fra i fuoristrada

La Panda Elettra, fu prodotta in piccola serie

Fiat  Qubo Portofino concept 

La concept Fulvia coupé del 2003. Un peccato che non sia stata prodotta!

468 ad