VADIS Fiat 615 furgonato “Ferrero” – scala 1/43

L’editore belga Vadis ha lanciato in Italia la serie “La Collezione dei Veicoli Pubblicitari d’Epoca”, esordendo con un bellissimo furgoncino Fiat 615 utilizzato negli anni ’50 dalla “Ferrero”. Il programma prevede 60 uscite ed i prossimi modelli in scala saranno i furgoni Alfa Romeo Romeo 2 “Charms-Alemagna” 1959 e F12 “Idrolitina” 1972, , Lancia Ardea 800 “Yoga”1953, Fiat 1100 ELR “Lavazza” 1950, 600 D Multipla “Abarth” 1960 e 238 “Plasmon” 1967, Volkswagen T1 Kombi “Max Meyer” 1959. Questo furgone Fiat 615 non ci è sconosciuto, in quanto ne avevamo già parlato su Piccolegrandiruote quando qualche esemplare era già circolato tempo fa nelle borse scambio, in occasione del lancio dei primi quattro numeri di prova, limitato a pochissime province.

IXO Fiat 615N Ferrero (6)

Ora che inizia la distribuzione a livello nazionale, esaminiamo meglio il modellino, che è di produzione IXO come lo saranno le riproduzioni già annunciate. Alcune si erano già viste in altre enciclopedie similari, come l’Alfa Romeo “Romeo” distribuito da Altaya in Spagna sotto le spoglie del Fadisa Romeo, ivi prodotto su licenza. Solo che in questa serie avrà le italianissime decorazioni delle caramelle Charms Alemagna.

Ma torniamo al 615, piccolo autocarro Fiat nato nel 1951 con motorizzazione a benzina (il motore era lo stesso della Fiat 1400), poi affiancato da una versione furgonata nel 1952.

IXO Fiat 615N Ferrero (1)

La linea di questo veicolo, molto tondeggiante, è sempre stata un grattacapo da realizzare correttamente e finora diversi artigiani lo hanno riprodotto senza però riuscire a centrare esattamente tutte le difficili curve del muso. Lo stesso modello IXO sembra avere il cofano un po’ troppo alto e bombato, tuttavia la vista d’insieme appaga l’occhio e spesso è questo ciò che conta, più ancora dell’adesione cieca e assoluta alla riduzione in scala al 100%.

IXO Fiat 615N Ferrero (2)

La linea complessiva del piccolo furgone nostrano è dunque ben catturata e sul muso le feritoie delle prese d’aria sono ben realizzate. La verniciatura appare però un po’ spessa e copre un po’ diversi particolari, specialmente dove ha ricevuto la seconda mano per ottenere il bicolore. Anche le tonalità non sono del tutto corrette. La parte inferiore è un poco troppo scura, mentre la parte superiore dovrebbe avere una tonalità più “cremosa” e simile al nocciola, anche se è certo che la colorazione dei veicoli usati dalla Ferrero ha subito nel tempo leggere variazioni di intensità e tonalità.

IXO Fiat 615N Ferrero (5)

Molto belle invece le scritte e le serigrafie: il marchio sulla fiancata, riproducente quello della Ferrero dei primi anni di attività, non poteva essere migliore.

Belli anche gli specchietti retrovisivi, un po’ opachi come in realtà (erano d’alluminio e non avevano cromature), mentre stonano un po’ i tergicristallo neri opachi anziché color alluminio.

Dietro le luci sono piuttosto semplici, risultando da quattro colpetti di vernice rossa anziché essere riportati con dei dischetti di plastica trasparente, come siamo ormai abituati a vedere anche su modelli piuttosto economici. Le maniglie delle porte e del portellone non sono applicate, ma ricavate nello stampo e verniciate in argento. In compenso le targhe sono sufficientemente fedeli a quelle italiane dell’epoca.

IXO Fiat 615N Ferrero (3)

L’insieme è reso molto realistico dall’insieme ruote-pneumatici veramente ben fatto.

Il telaio è piuttosto semplice, comunque migliore di quello di molti altri modelli di queste serie editoriali e ha perfino il serbatoio del carburante riportato da un lato, cosa che, non vedendosi osservando il modello di lato, molti produttori avrebbero probabilmente tralasciato.

IXO Fiat 615N Ferrero

IXO Fiat 615 Ferrero

Certamente benvenuto nelle nostre collezioni, anche grazie al contenutissimo prezzo dell’offerta di lancio (meno di 4 euro!), va rimarcato che il Fiat 615, come gli altri di questa serie, è finalmente confezionato in una vetrinetta di plastica rigida, che sicuramente inciderà sul costo dei modelli successivi, ma sarà apprezzatissima dai collezionisti che trovano difficoltà a sistemare in modo corretto tutti quei modelli venduti in semplici “bolle” di plastica molto flessibile.

468 ad