TECHNOCLASSICA 2017

Per uno che non è mai andato a vederla può apparire come una delle tante manifestazioni d’auto d’epoca, ma noi possiamo assicurarvi che la Technoclassica di Essen sfugge facilmente a una vera definizione.

For someone who has never gone to see it can look like one of many vintage car shows, but we can assure you that Essen’s Technoclassics easily escapes to a true definition.

Il cartellone pubblicitario della Technoclassica di quest-anno

Nella sua 29ª edizione sono state esposte più di 2500 automobili, con oltre 1250 espositori e più di 220 Club partecipanti. Per poter visitare tutte le sale espositive occorre almeno un giorno e mezzo e non è detto che si possa vedere tutto, specialmente nella zona dei piccoli artigiani del restauro, che solitamente attira soprattutto chi ha in mano un progetto di ricostruzione o rifacimento di un’auto d’epoca.

In its 29th edition, more than 2500 cars have been exhibited, with more than 1250 exhibitors and more than 220 participating clubs. In order to be able to visit all the exhibition halls it takes at least a day and a half and it is not said that everything can be seen, especially in the area of small craftsmen of the restoration, which usually attracts especially those who have in their hands a project of reconstruction or refurbishment of a car period.

Il terzo padiglione, con le macchine molto ravvicinate tra loro

I giorni dal 5 al 9 aprile sono dunque stati intensi per visitare questa Fiera del collezionismo dell’auto e per ora, nonostante Parigi con Retromobile si ponga su un piano di grande prestigio, ineguagliata.

I visitatori sono stati 185.000 e i compratori sono stati moltissimi. Questa è la nota dolente. Molte macchine sono passate di mano a prezzi da capogiro, come una BMW Z1 venduta a 165.000 euro nella prima ora dall’apertura. Il problema sta spesso nell’incultura di chi compra ma ha il portafogli gonfio. Si acquistano a prezzi spropositati auto che giammai si poteva immaginare raggiungessero cifre notevoli, spesso restaurate male o sovrarestaurate senza seguire le specifiche del modello. Andiamo con ordine dalla A alla W.

Alfa Romeo 6C 2300B Pescara

Alfa Romeo 6C 2500S barchetta 1946

Alfa Romeo 1900 Primavera hardtop

Sopra e sotto: Alfa Romeo 3000 CM Superflow Pininfarina 1956 

L’ultima Allard: la GT con motore Jaguar del 1957/58

Allard K2 Roadster 1951

Aston Martin 15/98 2 litre 1939

Aston Martin DB6 Volante con raro hardtop di serie

Austin-Healey 100-4 roadster

Capita anche di vedere all’asta una Autobianchi Giardiniera proposta con marchio Fiat e svariate assurdità per un prezzo base fra i 13.500 e i 17.000 euro…

Meglio rilassarsi a vedere le auto senza soffermarsi sul cartellino dei prezzi.

Apprezzabile una piccola mostra dedicata a una donna coraggiosa di nome Heidi Hetzer, classe 1930, che ha portato alla Technoclassica la vettura con la quale aveva appena terminato un viaggio intorno al mondo durato 960 giorni a bordo di una Hudson Eight di pari età della signora che, va detto, in gioventù era stata pilota in parecchi Rally.

Hudson Great Eight 1930 di Heidi Hetzer

I nostri inviati hanno scattato oltre un migliaio di fotografie fra le quali è stato duro selezionarne una quantità adatta per i nostri lettori.

Bentley 4¼ litre Malcom Campbell design Van den Plas 1936

BMW 315 roadster 1936

BMW 328

BMW 502 cabriolet due porte

BMW 750 L V12 limousine

BMW M1

BMW Z1 1988

L’ enorme posteriore della Borgward Hansa 2400

Böringen Unimog, quando ancora non era Daimler-Benz

Bristol 404 1955

Bugatti EB 118, una delle poche prodotte a Modena

Bugatti Type 57 C Gangloff Cabriolet 1936

Cadillac Eldorado Brougham 1957

Rara Dart Goggomobil roadster prodotta in Australia 

Duesemberg J Sunroof Franay 1933

Per chi ama il giardinaggio Feierabend propone trattorini carrozzati come Fendt e Porsche d’epoca

Ferrari 212 Inter Vignale 1952

Ferrari 212 Vignale

Fiat 600 Rendez-vous Vignale

Ghia Fiat 1500 GT, prodotta in piccola serie venduta direttamente dalla Fiat

Forse una delle più rare vetture esposte: una Fiat Panda Elettra come nuova

Non facile trovare una Ford Escort Mk.I Station Wagon in queste condizioni

Ford Taunus 20M TS Deutsch cabriolet

Brutta ma pratica: la Glas 1004 con portellone

Decisamente più elegante la Glas 1204 roadster

Glas costruì anche la 8V coupé Frua, che poi ebbe un motore portato a 3000 cc da BMW

La Goliath Hansa 1100 coupé aveva lo stesso coperchio del bagagliaio della 700 del 1952

Harley Davidson X8A 1912 a cilindro singolo

Indian 1911 Hedstrom single

Intermeccanica Indra

Lagonda Rapide con carrozzeria Touring Superleggera

Lancia Aurelia B50 Vignale

Splendida Lancia Flaminia 1958 con colori simili a certi modellini della Mercury

Maserati 3200 Allemano

Mercedes-Benz 220 cabriolet 1957

Mercedes-Benz Pagoda con specifiche per gli Stati Uniti

Padiglione Mercedes-Benz con (da sinistra) Simplex 40hp, SSK 1927 e 540K Stromlinien

Gruppo di ben tre Mercedes 600 di cui una (al centro) Pullman-Landaulet

Mercedes-Benz S 1927

Mercedes-Benz O6600 bus

Prototipo MG B EX234 1965 Pininfarina

Mini ACV-30 Concept

NSU Prinz III 30 cv con paraurti USA

NSU Ro80 con cofano in perspex per vedere il motore Wankel

La 2.000.000ª  Opel fu una Kapitän

Pegaso Z-107 8V carrozzata Touring

Porsche 356 1500 pre-A 1954

Porsche 911 SC 1979 con appena 8000km (ma che prezzo!)

Porsche 911 SC cabriolet Politie (Olanda)

Prototipo Porsche 928 Viersitzer 1984

Sopra e sotto: Renault Estafette Saprar Camping 1975

Sopra: Rovin D2 1939, sotto Rovin D3 1950

Rolls Royce Phantom I York roadster 1930

Rolls Royce Phantom II Boat-tail Prince Pratap Singhrao Gaekwad 1929

Rolls Royce Silver Wright Freestone & Webb 1956

60 anni Seat 600, con in primo piano la 800 a passo lungo e 4 porte

Skoda 935 Dynamic

Skoda Favorit 3 volumi 1986 prototipo senza seguito produttivo

Skoda Rapid Dalnice 1940

Sotto il cofano della Stanley Type 735B 1915 a vapore c’era il bollitore per l’acqua

Inglese con un italian flavour: Swallow Doretti 1954

Imponente Tatra T80 cabriolet

Triumph Italia Michelotti 1961

Curiosissima Val Zethrin Squire 1½litre Ranalah Open Tourer 1938

Volkswagen Brasilia 1980

Quando le auto elettriche erano di là da venire: VW Electrogolf

Splendido esemplare di Volkswagen 411 LE Variant 1970

Un vero VW Bulli da lavoro: qui si preparano Hamburgers

Magnifica Volkswagen Karmann-Ghia 1500S del 1965

Il Transporter T1 della Volkswagen nella sua versione più ricercata, chiamata “Samba”bus

Un VW Transporter T2a per la vendita di gelati

VW Maggiolino Polizei con tanto di scenografia con vittima….

Questo VW T2 Camper Wesfalia sembrava uscito di fabbrica ieri

Molto amata ai suoi tempi per l’ampio vano di carico: la Volvo 145

Non poteva mancare in una rassegna del genere: la Volvo PV444

Ultima (alfabeticamente): una Wartburg 1000 del 1966/68 restaurata

468 ad