Opel Käpitan 1954 – Starline- scala 1:43

Quando la Germania cominciò a riprendersi dal disastro della guerra, alcune vetture di un certo pregio tornarono sulle strade. Molte venivano esportate per incamerare preziosa valuta estera, ma parecchie trovarono compratori in patria, fra quegli imprenditori che erano alla base del miracolo economico che avrebbe fatto poi della Germania la locomotiva d’Europa.

Starline Opel Kapitän (6)

La Opel, prima della guerra, aveva nella sua gamma una vettura economica, la Olympia, e una 6 cilindri di gamma media, la Kapitän, che ritroviamo anche nel dopoguerra. Il mdello riprodottoa dalla Starline é la Käpitan del 1954, che aveva un motore con una  cilindrata di 2473 cc e sviluppante una potenza di appena 68 CV, adatta per una ammiraglia tranquilla che non arrivava nemmeno a 140 Km/h. In compenso era comoda, perché si ispirava alle General Motors d’Oltreoceano, le Chevrolet in particolare e in quegli anni tutto quello che veniva d’Oltreoceano era sinonimo di bellezza e lusso: non si era ancora arrivati agli eccessi di qualche anno dopo.

Starline Opel Kapitän (2)

Il modellino della Starline, inutile dirlo, cattura in modo perfetto la linea della vettura originale e anche le ruote di grande diametro con fasce bianche contribuiscono a ricreare l’aspetto sontuoso della vettura di allora. I dettagli sono molto fini e le cromature laterali sono ben realizzate con un leggero tocco di vernice argento.

Starline Opel Kapitän (1)

Un discorso a parte merita il muso della vettura, che qui vediamo a confronto con la Kapitän del 1956 riprodotta dalla Schuco, in una foto che mette in evidenza le differenze fra i due modelli (con quello Schuco che appare un po’ troppo “seduto” rispetto allo Starline). La bellezza del modello Starline è leggermente offuscata dalla mancanza di una pennellata di vernice nera dentro l’area della mascherina, che resta priva della necessaria profondità. In compenso il marchio Opel è riportato con una fotoincisione che è di una finezza incredibile.

Starline Opel Kapitän

Posteriormente la nostra Kapitän è anche molto riuscita e non si bada molto ai catadiottri realizzati con una semplice pennellata di vernice rossa, quando i fanali posteriori sono invece riportati in plastica.

Starline Opel Kapitän (3)

Le viste di tre quarti rendono molto bene le linee della grande Opel e le tinte scelte ricreano in 1/43 il fascino degli anni Cinquanta: la Kapitän Starline è offerta in tinta unita verde pisello, molto comune a quei tempi e in tre splendide combinazioni di colore: crema con tetto grigio, rosso corallo con tetto crema e blu elettrico con tetto panna. Nella versione crema il difetto della calandra si nota di più a causa del colore chiaro della carrozzeria, mentre è quasi inosservabile nella Kapitän con il colore base blu.

Starline Opel Kapitän (4)

La riproduzione delle parti meccaniche, viste da sotto, lascia un po’ a desiderare, essendo il telaio appena accennato. Solo il tubo di scarico è in evidenza ed è fornito di un bel terminale a ventaglio, com’era tipico in molte auto di quei tempi. Però sporge un po’ troppo dal paraurti.

Starline Opel Kapitän (5)

In considerazione del prezzo mantenuto da Starline, anche in questi tempi di aumenti, la Opel non può certo mancare in nessuna collezione che si rispetti . Ricordiamo inoltre che si tratta di un modello mai riprodotto prima in questa scala ed in metallo pressofuso.

468 ad