Salone auto di Torino 2019 dal 19 al 23giugno

Appuntamento di giugno con il Salone di Torino, che conferma la formula, ritenuta vincente, dell’expo all’aperto con rappresentanza di molti produttori ma ciascuno con appena qualche modello della gamma. La giornata si apre presto nel cortile del Castello del Valentino, dove sono raccolte eccezionali Supercar, a cominciare da una incredibile raccolta di Pagani, in occasione del 20°anniversario della marca, e a seguire da tante altre: un gruppetto di immancabili Ferrari, le icone di Lamborghini (Countach e Miura), una rappresentanza della collezione Bertone acquisita dall’ASI, fino a ricordare le Abarth di cui ricorrono i 70 anni e altre prestigiose vetture del passato.

Una parte delle supercar di Pagani in mostra

Appointment of June with the Salon di Torino, which confirms the winning formula of an outdoor expo held with representation from many manufacturers but each with just a few model of their range. The day opens soon in the courtyard of Valentino’s Castle, where are exceptional collections Supercar, beginning with an incredible collection of Pagani, on the occasion of the 20th anniversary of the brand, followed by many others: a handful of inevitable Ferrari, the icons of Lamborghini (Countach and Miura), representatives of the collection acquired by the ASI to remember the Bertone,  Abarth which marks 70 years and other prestigious cars of the past.

Sono solo tre le Pagani Zonda HP Barchetta costruite: è una delle auto più costose al mondo

La aggressiva Vulcano Titanium

Non facile a vedersi dal vero la Ferrari 250 Drogo

Una splendida Ferrari 250 Testarossa e, dietro, una 250 GTO

Due giallissime Ferrari: una Enzo e, dietro, la F50

L’avveniristica Ferrari Sergio di Pininfarina

L’abitacolo della Sergio

Bassissima e slanciata la Ford GT 

La 500 trasformata da Giannini in un piccolo mostro: la 350 GP4

Italdesign Zerouno

Jannarelly Design 1, nata nello spirito delle barchette anni Cinquanta

Toyota riprende il nome Supra per la sua coupé sportiva

L’italiana ATS GT ha un’anima inglese firmata McLaren

La BAC Mono offre un motore Cosworth da 280 CV 

Con appena 540kg di peso la Mono è capace di prestazioni da formula 1

Sotto le vesti della Ramarro, Bertone mise una meccanica Corvette

Sicuramente originale la Ferrari Rainbow di Bertone

Pronta per una prova di guida autonoma era questa Citroën e-Mehari appositamente allestita

Unica coupé al mondo con 6 ruote, la Covini C6W del 2008 sfoggiava 440 cv

Incontro del nostro redattore con Giorgetto Giugiaro, presente al Salone

Una Maserati 3200 GT trasformata per la Best Of Italy Race

La Nissan Nismo Intelligent Mobility

La barchetta di Dallara

La curiosa forma a saponetta della Fioravanti Sensiva 1994

Se la Wrangler non basta si può optare per la Militem Ferox

Ora un breve excursus fra gli stand, non tutti per ragioni di spazio, ma una scelta delle vetture esposte fra le più significative. Alcune vetture erano ospiti di prestigiose testate giornalistiche del settore.

Si inizia con l’auto dell’anno 2018, la Jaguar I-Pace

La Battista, di Pininfarina

Interessante berlina sportiva: la Da Vinci di Italdesign

La Abarth 124 spider Rally Tribute, con hardtop

L’ Alfa Romeo formula 1 di Giovinazzi e Raikkonen

Prima italiana per Alfa Romeo Tonale. Speriamo di vederla presto su strada.

Bellezza per pochi: Aston Martin Vantage

La Bentley Continental GT convertibile

Eleganza tedesca: “The 8”, la nuova espressione di BMW

La Bugatti Divo

Novità per l’Italia la Honda HR-V Sport

La sempre apprezzata Jeep Wrangler, qui nella versione “1941”

Prima uscita internazionale per la Jeep Renegade 4x4e (versione elettrica)

Dopo il successo a Ginevra, la Fiat Centoventi concept è in mostra a Torino

Anteprima nazionale per la nuova Maxda CX-30

Porsche Cayenne

Skoda Kodiaq RS, versione “cattiva” con 240 cavalli

Per chi vuole correre c’é la Spice-X SX1 F

Doti fuoristrada indiscutibili per la piccola Suzuki Jimny GAN

Cominciano le consegne delle Tesla Model 3

Prima mondiale per le full-electric cinesi XEV, IEV 7S (sopra) e YoYo (sotto)

Ford Ranger Raptor, novità per l’Italia

Non poteva mancare la carrozzeria Mole con la sua Gran Turismo

Nissan Leaf, una promettente full-electric

Non mancava la presenza dell’esercito, che coi suoi mezzi attirava soprattutto la curiosità dei bambini, e la partecipazione dell’ATTS (associazione dei tram storici di Torino) col suo gioiello: il restaurato bus a due piani Viberti CV61 prodotto in pochi esemplari per l’esposizione “Italia ’61”.

Autoblindo Centauro 3ªserie 

Viberti CV 61

E ora una breve carrellata su alcune delle manifestazioni collaterali del Salone, che quest’anno prevedeva anche la possibilità di provare alcune selezionate vetture. Cominciamo dalla sera di mercoledì, inaugurata da una sortita di formula 1 condotta da questa Ferrari 126C del 1984.

E’ stato poi ricordato il centenario della Citroën a cui hanno partecipato diverse vetture disposte ai Murazzi. Si segnala anche la presenza di un curioso furgone in stile retrò. E’ un Citroën H offerto da Citroën in occasione dei 70 anni del modello. Si tratta di aggiuntivi di vetroresina da applicare su un normale (e moderno) furgone di serie.

Il Citroën H 70anni  realizzato sovrapponendo pannelli di vetroresina alla scocca.

Raduno Citroën ai Murazzi del Po

Una Citroën A del 1919 nel piazzale davanti al Castello del Valentino

La sfilata delle Classic Car aperta dalla Fiat 500 spiaggina di Savio

Raduno delle Fiat coupé in Piazza Vittorio

Raduno auto classiche in Piazza Vittorio: in primo piano la Cisitalia 202

Fra le auto di Bertone spiccava la Nuccio

Meno costose delle Pagani, 5 Dallara tutte insieme non sono meno rare a vedersi

Raduno serale di Mazda MX5 sull’asse di via Roma

468 ad