Raduno VW a BAD CAMBERG 2011

Ogni quattro anni si tiene a Bad Camberg uno spettacolare raduno di Volkswagen d’epoca, limitato a quelle costruite prima del 1957. L’organizzatore, Markus Lottermann, ha ereditato dal padre la passione per questo raduno, che richiama collezionisti da tutto il mondo, USA, Colombia e Indonesia compresi fra i partecipanti del 2011.

Nonostante le previsioni contrastanti (è piovuto tutto il sabato) la partecipazione è stata alta (quest’anno circa 300 auto in tutto) e le vetture hanno attratto l’attenzione di grandi e piccoli. Nella grande spianata del campo sportivo le auto erano suddivise in gruppi: da una parte i Maggiolini con il lunotto diviso, dall’altra quelli col lunotto ovale, quindi i cabriolet Karmann a quattro posti e gli Hebmüller a due e le Karmann Ghia, poi i veicoli speciali (militari e carrozzerie in piccola serie o esemplari unici) ed infine il Bulli T1 in molte varianti. I Maggiolini non ammessi al raduno perché di costruzione più recente erano destinati ai parcheggi “ordinari” lungo le vie della cittadina sui monti Taunus, a margine di un parco naturale.

VW Standard 1949, con manovella per avvio manuale del motore

Ovalino metallizzato

Maggiolino con lunotto ovale 1956

2 vetrini indonesiano

Maggiolino 2 vetrini Export 1950 proveniente dall’Indonesia

due belle K-Ghia

Due bellissime Karmann-Ghia coupé del 1956-57

Bulli T1 1a serie

Un Bulli T1 del 1951

Rometsch 1957

Maggiolino con carrozzeria cabriolet Rometsch 1957

VW portabevande

Bulli T1 per trasporto bevande

Dannenhausen & Stauss

Splendida accoppiata di Dannenhausen & Stauss su meccanica Volkswagen (talora elaborata con 2 carburatori)

Ospiti d’onore due pezzi speciali: uno era la ricostruzione della VW typ60K10 con carrozzeria in alluminio destinata alla corsa Berlino-Roma del 1940, non tenutasi per via dello scoppio della guerra; l’altro è uno dei Maggiolini più anziani esistenti: il Typ 38 con numero di telaio 006, ritrovato in Lituania e restaurato in modo maniacale e perfetto, fino a tornare più originale dell’originale…

VW Typ 60K

La Volkswagen Typ 60K10

VW Typ 38.006

Una delle più vecchie VW esistenti: la Typ 38 (1938) con numero di telaio 006

Seguivano, molto ammirate, alcune vetture speciali, costruite in un unico o in pochissimi esemplari. Ne è un esempio lo strano coupé a 4 posti di Kohlruss, un curioso carrozziere che eseguì diversi trapianti di carrozzeria della Steyr 55 sul telaio del Maggiolino, con modifiche a frontale e coda. Quella del raduno pare sia stata realizzata nel 1942.

Kohlruss carosserie

Sopra e sotto: la sconcertante carrozzeria Kohlruss su telaio VW

Kohlruss carosserie lato

Apprezzato anche il taxi brasiliano, basato sul Transporter, ma con un allestimento a tre porte laterali che non trova riscontro in Europa. Ai bambini piaceva anche un piccolo Kübelwagen a pedali, probabilmente di costruzione artigianale (esemplare unico) che si è visto presso un Maggiolino in esposizione.

Taxi Brasiliani

Bulli T1 in allestimento Taxi realizzato in Brasile

Kübelwagen

Una Typ 82 Kübelwagen militare

Kübel w pedali

Una piccola Kübelwagen a pedali, realizzata artigianalmente

Typ 166 Schwimmwagen

Volkswagen anfibia Typ 166 Schwimmwagen

Nell’annesso mercato dei pezzi di ricambio vi erano anche diversi venditori di modelli, alcuni dei quali esponevano pezzi rari come questo Mignon, completo di scatola. Prezzo richiesto ? 600 euro, perché il nero è un colore raro…

Maggiolino Mignon

Modellino Mignon, in scala 1/17, in una rara versione di colore

Hebmüller da restaurare

Sembra incredibile, ma se ne trovano ancora, e vale la pena restaurarle: una Hebmüller del 1949

VW 1303 arancio

“Fuori concorso” uno splendido 1303 L del 1973

468 ad