Parlando di riproduzioni in scala low cost

Nel mondo del modellismo si sa che i prezzi non sono proprio bassi, sia per i costi di produzione che per quelli del materiale, ma vogliamo mostrarvi delle recenti miniaturizzazioni in scala dal prezzo decisamente abbordabile e che non sono per nulla disprezzabili. Parliamo delle auto in miniatura, in scala 1:43, della Mondo Motors.

In the world of modeling we know that prices are not really low, both for production costs and for those of the material, but we want to show you some recent miniaturizations in scale with a very affordable price and they are not at all contemptible. We are talking about miniature cars, in 1:43 scale, of Mondo Motors.

La Mondo Motors é parte dell’ azienda italiana Mondo, nata nel 1948, e famosa per i suoi palloni e per le pavimentazioni in gomma ad uso civile, industriale e sportivo. Nel 2006 apparve la Mondo Motors, per la produzione di autoveicoli in scala statici e radiocomandati. Sin dal suo apparire ha attirato l’attenzione delgi esperti del settore per la buona interpretazioni dei soggetti messi a catalogo.

Mondo Motors is part of the Italian company Mondo, founded in 1948, and famous for its balls for football and rubber flooring for civil, industrial and sports use. In 2006 Mondo Motors appeared, for the production of static and radio-controlled vehicles. Since its appearance has attracted the attention of experts in the field for the good interpretation of the subjects put in the catalog.

 

La Fiat 124 spider di Mondo Motors in scala 1:43 fa parte della serie Fast Road

La vista di profilo della Fiat 124 spider di Mondo Motors evidenzia la buona interpretazione dei volumi. I fari anteriori e le luci posteriori sono applicati a parte, i tergicristalli sono stampati in plastica, la cornice del parabrezza é color alluminio.

La riproduzione dell’interno é semplificata, ma nel complesso non é male, il marchio Fiat é in tampografia.Il pianale é in metallo mentre la carrozzeria é in materiale plastico. Gli organi meccanici sono appena accennati, ma non scordiamo che nei costosi modelli in resina spesso il fondino é liscio.

La BMW M4 ha la carrozzeria in plastica ed il fondino in metallo. Lo stesso connubio venne utilizzato dalla francese Norev sia per le prime serie di modelli in scala 1:43 che per la collezione cometal.

Anche in questo caso gli organi meccanici sono appena accennati, ma considerando il prezzo di vendita non ci si puó proprio lamentare.

Le linee sono ben interpretate ed anche la riproduzione delle ruote e degli pneumatici appaga abbastanza l’occhio. Non mancano neppure i dischi dell’impiante frenante.

La Vista di tre quarti anteriore della BMW M4 di Mondo Motors

La Citroën DS 19 fa parte della collezione Vintage Collection di Mondo Motors ed ha la carrozzeria in metallo pressofuso. Le linee e le proporzioni sono ben rispettate ed il modellino non sfigura in una collezione di auto in miniatura Citroën.

La Citroën DS 19 riprodotta é una prima serie (1956-58) come si puó arguire dal terminale dello scarico centrale.

Il fondino é realizzato in plastica e presenta delle riproduzioni appena accennate degli organi meccanici.

La vista di tre quarti posteriore permette di vedere anche il “double chevron”ed il tubo di scarico dalla caratteristica forma piatta. Gli interni sono riprodotti in modo sommario, ma accettabile cosiderando il costo del modellino. Le maniglie delle porte, il tubo di scarico, i paraurti, le luci di fianco al tetto sono evidenziate con il colore argento. 

La Citroën C3 WRC vista di profilo. Il modello é della  serie Racing Collection

Gli organi meccanici in questo soggetto non sono quasi per nulla evidenziati sul fondino in materiale plastico.

La Citroën C3 WRC ha la carrozzeria in metallo ed il fondino in plastica. Il grande spoiler posteriore é in plastica.

Le decorazioni sono tutte in tampografia. La mascherina anteriore e le relative luci sono rese con una semplice colorazione in argento. Gli altri fari e le luci posteriori sono applicate. La riproduzione dell’interno é piuttosto semplificata.

 

468 ad