Ottomobile VW Jetta GTX 16V – 1/18

Ottomobile ci ha ormai abituati a modelli in scala 1:18 la cui fattura è in assoluto ottima (a volte- in foto – è necessario osservare piccoli dettagli per accorgersi che è un modello in scala) e lo è ancor di più in rapporto al prezzo, molto abbordabile per questo genere di modelli. Occorre solo rinunciare alle parti apribili  (cui peraltro i collezionisti non sono sempre particolarmente affezionati). 

La Volkswagen Jetta prescelta da Ottomobile è una vettura piuttosto poco comune. Meno apprezzata della più agile sorella Golf, trovava acquirenti soprattutto presso coloro per cui la Jetta rappresentava l’unica auto di famiglia con cui andare anche in vacanza e perciò necessitavano di un grosso bagagliaio da 660 litri che la Golf non poteva offrire.

 

L’attuale Jetta GTX 16V è argento metallizzato. La prima tiratura era rossa (sotto)

By now, we are used to 1:18 Ottomobile scale models whose invoice is absolutely great (sometimes-in photos-you need to observe small details to realize that is a model), which is even more so in relation to price, very affordable for such models. You should just give up on opening parts (about which the collectors are not always particularly fond).

The Volkswagen Jetta chosen by Ottomobile is a rather uncommon car. Less appreciated the more agile sister Golf, it found buyers especially from those for whom the Jetta was the only family car with which to go on holiday, and therefore needed a bigger trunk that Golf could not offer.

Nata nel 1979, la prima serie appariva essenzialmente come una Golf a cui avessero incollato un baule esterno. La seconda serie del 1984 presentava invece uno styling più raccordato e sicuramente migliore a vedersi. Nel frontale conservava i fari rettangolari che la identificavano come Jetta anche al primo colpo d’occhio, mentre la Golf aveva i fari rotondi. La gamma dei motori era la stessa, ma si puntava molto sul 1800 da 90 CV per il quale venne allestita una particolare versione di lusso chiamata Carat.

Una immagine ufficiale della vera VW Jetta GTX 16V

Nel 1985 venne aggiunta la GT con motore 1800 da 112 CV e finiture in plastica nera (codolini, spolier) e rossa (bordini ai paraurti), che fu affiancata, nel 1987, dalla potente GTX 16V, con 16 valvole per 139 CV, che veniva offerta solo con carrozzeria a quattro porte.

Come l’auto vera anche la GTX 16V di Ottomobile mostra tutte le piccole modifiche rispetto alla GT, come l’antenna elettronica sul tetto, lo spoiler anteriore più grande, lo scarico sdoppiato e le scrittine specifiche colorate di rosso.

Si tratta di un modello eccellente da ogni punto di vista, i cui dettagli risaltano ancor meglio su questa versione in colore metallizzato, peraltro verniciata in modo impeccabile. I modelli Ottomobile da questo punto di vista sono veramente ben realizzati. Anche gli interni sono perfetti ma occorre portare l’occhio sui vetri per poterli apprezzare, poiché, come già detto, il modello non presenta aperture.

Non ci risultano altre riproduzioni di questa potente e sobria vettura. Per la verità sono piuttosto scarse tutte le riproduzioni della VW Jetta 2ª serie. Ne presentiamo una delle poche in scala 1:43, riprodotta nel 1985-86 dalla Schabak.

Volkswagen Jetta 1985, Schabak, 1:43

Segnaliamo che anni fa un’azienda cinese, la Gartex, produsse per la Volkswagen-Cina un modello della Jetta nella versione per il mercato cinese, disponibile nei negozi anche in versione Taxi di Shanghai.

VW-China Jetta taxi di Shanghai e berlina, Gartex, scala 1:24

468 ad