OTTOMOBILE VW 1200 Oettinger, c’est bon!

Ottomobile ci ha già abituati a strepitosi modelli in scala 1:18, ma spesso non è sufficiente vederli in fotografia o averli per le mani per qualche minuto alla Fiera del Giocattolo di Norimberga. Bisogna tenerli in mano un po’ più a lungo, girarli, osservarli, ammirarne la perfezione. Sono veramente ben fatti, e ad un prezzo molto molto allettante.

Ottomobile VW 1200 Oettinger (12)

This is the time of the Beetle 1200 Oettinger. Oettinger was for the VW Beetle what was Abarth for the Fiat 600 , though outside Germany was much less known. His kit Okrasa” were already available at the time of the Beetles with oval rear window and practically for the duration of the production of the Beetle.

Questa è la volta del Maggiolino 1200 Oettinger. Oettinger stava al Maggiolino come Abarth stava alla Fiat 600, benché fuori dalla Germania fosse molto meno conosciuto. I suoi kit “Okrasa” erano già disponibili ai tempi dei Maggiolini con lunotto ovale e praticamente per tutta la durata della produzione del Maggiolino.

VW Okrasa 1

Copertina del catalogo originale del Maggiolino Oettinger

VW Okrasa 2

L’affollato cofano motore coi doppi carburatori ed il filtro aria specifico

Ottomobile VW 1200 Oettinger (6)

La linea generale del modello è pressoché perfetta

Quando questa fu fermata, in Germania e fu disponibile solo il Maggiolino 1200 proveniente dal Messico, la clientela non ebbe più la possibilità di scegliere il più potente (si fa per dire: 50 Cv al posto di 34) motore 1600. Oettinger propose dunque un kit, del prezzo di 3600 DM (che era quasi metà del prezzo dell’intera auto), con il quale si elaborava il motore portandolo da 1192cc a 1281, elevando così la potenza fino a 50 Cv e la velocità massima a 135 Km/h (dai 115 originali). L’elaborazione veniva completata da tinte e decal specifiche, possibilità di montare cerchioni e gomme più larghe, spoiler frontale, volante speciale Oettinger a quattro razze e manometro dell’olio; il tutto, con i vari sovrapprezzi dei singoli elementi, poteva far lievitare il prezzo finale della vettura a 14.980 DM!

Ottomobile VW 1200 Oettinger (4)

Giratelo come volete: il modello Ottomobile dovrebbe trovar posto in ogni collezione VW

Ottomobile VW 1200 Oettinger (9)

Buona anche le viste dall’alto e dal basso, dove troviamo un accenno più che onorevole della meccanica, quando molti produttori di questo genere di modelli preferiscono ignorarla

Ottomobile VW 1200 Oettinger (1)Ringraziamo innanzi tutto Ottomobile di non aver scelto una banale riproduzione del Maggiolino Volkswagen, ma di essere andato a ricercare una versione finora esclusa da altri fabbricanti. Dopodiché ci complimentiamo col modellista, perché le linee del Maggiolino sono così ovvie che spesso ne viene sottovalutata la difficoltà di riproduzione (sono tutte curve) ed è raro avere un modellino così unicamente perfetto a vedersi.

Ottomobile VW 1200 Oettinger (3)Ottomobile VW 1200 OettingerSe poi si scende nei dettagli ci si accorge con quanta cura lavora Ottomobile. Un vero peccato che gli interni siano visibili solo attraverso i finestrini: c’é perfino la scrittina Oettinger al centro del volante e la cura si spinge fino a dipingere di  nero le tre uscite d’aria viziata ai lati del lunotto, che presenta pure la riproduzione delle resistenze antiappannamento.

Ottomobile VW 1200 Oettinger (8)

Da dietro si apprezzano i fanaloni e il lunotto termico e particolari quasi invisibili come il taglio per la chiave sul pulsante di apertura del cofano motore

Ottomobile VW 1200 Oettinger (10)

Davanti si apprezza lo spoiler e la forma particolarmente riuscita dello specchietto retrovisivo

C’é un’unica ingenuità ed è la cornice del deflettore semplicemente stampata in nero sui finestrini laterali: peccato. In questo modo il modello non raggiunge il punteggio di 110 e Lode, ma poco ci manca e in ogni caso, la colorazione in nero opaco di tutte le guarnizioni (come sull’auto vera) rende il particolare meno evidente. 

468 ad