Omaggio a Sue Richardson

SUE RICHARDSON 1943 – 2010

Lo scorso febbraio è mancata Sue Richardson, grande esperta di modelli e giocattoli, in particolare della Dinky Toys. All’università incontrò il suo futuro marito Mike Richardson, col quale ha formato una coppia quasi unica nel nostro settore e con cui si è dedicata per una vita a coltivare l’interesse nel modellismo e nei mezzi di trasporto. Insieme fondarono un club di modellismo statico e furono pionieri nello sperimentare le prime borse di scambio per il loro hobby. Insieme al marito si prodigò per fondare la rivista “Modellers World” nel 1971.

Jowett Jupiter, Mikansue, 1/43

Negli anni dei primi modelli speciali, realizzati in kit di metallo bianco e con le tecniche dell’epoca, sono da ricordare quelli che la coppia mise in commercio con il marchio «Mikansue» che, pronunciato in inglese, contiene i nomi dei due coniugi Mike e Sue. I primi modelli erano riproduzioni di vetture inglesi, ma presto apparve anche una serie «Americana» che, come dice il nome, era dedicata alle auto d’oltreoceano.

Nel 1983 realizzarono uno dei primi negozi specializzati del settore, chiamato anche lui col nome della rivista (Modellers World Shop).

Autocarri Dinky Toys GB

Autocarro serie 25 1948, autocarro Austin e autocarro Dodge, Dinky Toys GB, 1/43

Dinky militari

Morris reconnaissance car con cannone antiaereo, 1939-41 e Austin Champ 1954, Dinky Toys, 1/43

Austin e Riley Dinky

Austin A40 Devon con due curiosi colori originali e Riley 1,5 litre, Dinky Toys GB, 1/43

Quando nacque la rivista Model Collector nel 1987 i coniugi Richardson collaborarono con articoli. Nello stesso periodo si erano impegnati nella stesura del libro sulle Dinky Toys nella speciale collana dedicata alla Hornby, i famosi trenini della Meccano di cui i Dinky Toys erano una costola intesa come accessori per plastici e solo in un secondo momento – grazie al loro successo – cresciuta a linea di prodotti interamente a sé stante.

Dinky book

Meccano Dinky Toys, by Mike and Sue Richardson

Sue Richardson si dedicò con interesse anche ai giocattoli prodotti dalla Triang e ai prodotti della linea Minic prodotta da quest’ultima, per i quali scrisse anche dei libri.

Nel 1997 una delle ultime fatiche librarie fu un compendio di tutti gli aeromodelli prodotti in pressofusione, seguita dal grande libro sui Dinky Toys («The Great Book of Dinky», 2000).

Dinky Toys Post office van

Post Office van, Dinky Toys, 1/43, con il libro di Mike and Sue Richardson

Sue in particolare mise in piedi una mostra al National Motor Museum di Beaulieu dedicata alla motorizzazione tramite l’infanzia, realizzata in parte con giocattoli di un collezionista che facevano parte di un’asta che si sarebbe tenuta con Christie’s e altri pezzi provenienti da collezioni disparate. Sue amava viaggiare e in tutto il mondo il suo gusto e la sua fortuna le permisero di scovare giocattoli curiosi e interessanti, ma la malattia che l’aveva aggredita alla fine non le ha dato scampo: trasferitasi nella regione della Loira, in Francia, per trovare un clima più favorevole, la sua battaglia contro il cancro è andata perduta.

Noi tutti la ricordiamo con affetto.


Great Dinky book

The Great Book of Dinky Toys

468 ad