Mercedes-Benz CLK 63 AMG “Black Series” 2007 – OttoMobile 1 : 18

Prendete una coupè tedesca con la stella a tre punte sul cofano, non brutta ma un po’ banale e priva di personalità, ficcatele in qualche modo nel cofano un motorone V8 da 6,2 litri, allargatele i parafanghi, montatele dei cerchi da 19”, rendetela grintosa riempiendola di spoiler estrattori e prese d’aria, ed otterrete una Mercedes CLK 63 AMG “Black Series”, copia (potenziata) della safety car ufficiale del campionato di F1 del 2007. Ovvero una vettura due posti con ben 507 cv, capace di accelerare da 0 a 100 km/h in soli 4,3 secondi e con velocità limitata a 300 km/h (!).
Nello stesso modo, prendete della resina, versatela in uno stampo perfettamente sagomato, verniciate il risultato in maniera splendida, aggiungete particolari ed accessori ed otterrete una splendida Mercedes CLK 63 AMG in scala 1:18 marchiata OttoMobile.

Take a German coupe with the three-pointed star on the bonnet, not ugly but somewhat trivial and devoid of personality, somewhat in the bonnet a 6.2-liter V8 engine, widen the mudguards, mount 19 “ , Make it gritty with filler spoilers and air vents, and you will get a Mercedes CLK 63 AMG “Black Series” copy (enhanced) of the official safety car of the 2007 F1 championship. That is, a two-seat car with 507 hp, Capable of accelerating from 0 to 100 km / h in just 4.3 seconds and with a speed limit of 300 km / h (!). In the same way, take the resin, pour it into a perfectly molded mold, paint the result gorgeously, add specials and accessories and you will get a gorgeous Mercedes CLK 63 AMG on scale 1:18 labeled OttoMobile.

Bisogna proprio ammetterlo: i modellisti di OttoMobile sono proprio bravi. E le scelte che vengono fatte raramente sono scontate o “inflazionate”: ne è la prova questa grintosa coupé argento, vettura finora completamente ignorata dai produttori di automodelli.
Il modello, a prima vista, potrebbe perfino sembrare un die-cast; solo la superficie non perfettamente liscia degli sfoghi aria sui parafanghi anteriori tradisce la fattura in resina. La verniciatura, come sempre per OttoMobile, è perfetta. Liscia, non troppo spessa, lucidissima ed uniforme.

You have to admit it: OttoMobile modelers are just good. And the choices that are rarely made are either discounted or “inflated”: this gritty silver coupe is the proof, a car so far completely ignored by automotive manufacturers.
The model at first glance might even look like a die-cast; Only the surface not perfectly smooth of the air outflow on the front mudguards betrays the resin invoice. Paintwork, as always for OttoMobile, is perfect. Smooth, not too thick, polished and uniform.


Le proporzioni sono perfette, ed il montaggio è assolutamente accurato. I vetri sono trasparentissimi, non deformanti, incollati con estrema precisione.
La fanaleria, poi, è un piccolo capolavoro: sia l’anteriore, che riproduce benissimo i fari “composti” da due proiettori polielissoidali e da un faro abbagliante con corpo separato, sia i posteriori con parte centrale fumè.

Le poche cromature sono molto realistiche, cerchi e ruote (che girano, seppur a fatica, sul loro asse) sono perfetti e del giusto colore. Purtroppo gli pneumatici non hanno stampigliature sui lati, cosa comune a molti modelli attuali; i cerchioni, però, sono riprodotti molto bene, lasciano vedere i dischi freno con relative pinze e riportano al centro il marchio Mercedes reso con una fotoincisione adesiva.

A proposito di fotoincisioni: contrariamente alla maggior parte dei modelli “artigianali” in cui le fotoincisioni abbondano, per dare un tocco di pregio all’insieme, qui sono completamente assenti, a parte i fregi adesivi. Tutte le griglie sono stampate, ed anche la calandra è “chiusa”. Curiosità: stranamente, OttoMobile non ha posizionato al centro del cofano anteriore il marchio Mercedes, preferendo allegarlo al modello avvolto in una bustina di plastica, lasciando al compratore il compito di posizionarlo. Nella bustina é contenuta anche una stella a tre punte di riserva, identica a quella applicata sul cofano posteriore.

Sarebbe stato opportuno anche riprodurre la trama del carbonio su quelle parti che, sulla vettura reale, sono composte da questo materiale (estrattori laterali sul paraurti, spoiler posteriore…), qui semplicemente verniciati in nero lucido. Soprattutto considerando il fatto che, invece, sul cruscotto le parti in carbonio sono riprodotte con decals.


Parlando degli interni, sono abbastanza ben fatti e particolareggiati: i sedili anatomici anteriori sono ben riprodotti e riportano sull’appoggiatesta il marchio AMG. Stranamente, però, mancano completamente le cinture di sicurezza.

Il fondino non è, come normale per questo genere di modelli, completamente liscio: sono presenti invece un abbozzo della meccanica ed una discreta riproduzione del sistema di scarico, che nella parte posteriore della vettura sporge rivelando quattro grintosissimi terminali di scarico cromati posti ai lati dell’estrattore, unica parte con grigliatura passante del modello.


In definitiva, come al solito OttoMobile ci ha proposto un modello di qualitá, il cui ottimo prezzo di vendita (inferiore ai 100 euro!) unito ad una qualità più che notevole ci fa presto dimenticare le griglie stampate o la mancanza di fotoincisioni. Se siete appassionati collezionisti delle vetture con la stella a tre punte, o se semplicemente amate le belle vetture “particolari”, non lasciatevi sfuggire questo modello!
PS: se volete qualche informazione in più sulla vettura reale, vederla in movimento e sentirne il rombo, cliccate qui. Il sito AMG dedicato a questa esclusiva vettura è ancora attivo!

Ultimately, as usual OttoMobile has offered us a quality model, whose excellent selling price (less than 100 euros!) Coupled with a more remarkable quality makes us forget about the printed grids or the lack of photoetched parts. If you are a fan of three-star cars, or if you just love the beautiful “special” cars, do not miss this model!

 

468 ad