Mercatino primaverile di Borgo d’Ale (VC)

Domenica 29 Aprile si è tenuto il mercatino di Borgo d’Ale dedicato al collezionismo e con particolare enfasi sui modellini d’auto. Non proprio una vera “Borsa” di quelle che si tengono in posti eleganti e al chiuso, ma un mercatino (sotto le tettoie del mercato dei prodotti agricoli) riparato da eventuali piogge ma non dal vento. Comunque la giornata è stata buona e la località offre tanto spazio per gli espositori e ampia disponibilità di parcheggio ravvicinato e gratuito.

On Sunday, April 29th the Borgo d’Ale market dedicated to collecting and with particular emphasis on car models was held. Not really a real swap meeting of those held in elegant places and indoors, but a street market (under the sheds of the market of agricultural products) sheltered from rains but not from the wind. However, the day was good and the location offers plenty of space for exhibitors and ample availability of close and free parking.

 

Gruppo di autocarri Corgi e Dinky: Ford H e Scammell (Corgi Toys), Willeme (Dinky F), AEC trasporto cavalli, Leyland Octopus e Foden pianale (Dinky GB), sono tutti pezzi di una certa rarità

Giova ricordare che qui si danno appuntamento molti collezionisti che solitamente non partecipano a edizioni più “prestigiose”, ma probabilmente con spazi-tavolo eccessivamente costosi. Non per questo Borgo d’Ale manca di sorprese ed é difficile che un collezionista non trovi qualcosa di simpatico da inserire nelle proprie collezioni.

Ad esempio questa Berlina Papale di Brumm non è un modello comune, specie nella versione con cavalli. Ricordiamo che Brumm iniziò la propria attivitá con la riproduzione di carrozze, che proponeva singolarmente. In un secondo momento ne offrì diverse complete con i cavalli, oggi piuttosto difficili da trovare, quindi passò ai veicoli storici ed a vapore, ai cyclecars e finalmente alla produzione di modelli d’auto, che continua tuttora.

Non facile da trovare completa del parasole: la Peugeot 1896 della Politoys di plastica, in scala 1:43

Un eccezionale VW Bulli T1 dei pompieri, promozionale della Wiking in scala 1:40

Ancor più eccezionale il Minibus vetrato, sempre Wiking in scala 1:40, offerto con scatola originale

Questo penny toy d’inizio 1900 merita una spiegazione. Realizzato probabilmente in Germania, in lamierino leggero, a differenza di altri giocattoli economici della sua epoca era dotato di un piccolo motore a molla con un enorme ingranaggio che gli dava la trazione (anteriore!). Il motore era dissimulato nel cassone azzurro anteriore da cui spuntano due alette a mo’ di gallettone. Servono a caricare il motorino a molla. Si noti anche il barbuto conducente.

Confezione Tour de France della Dupont, di pregio per la presenza della scatola originale in perfette condizioni. Il modello (una Jeep di lega d’alluminio in scala 1:36 circa) e gli 8 ciclisti (di plastica dipinta) sono fissati ad un cartoncino che si estrae dalla scatola con l’ausilio di due fettucce di tessuto con la bandiera francese…

La rara automobile dei Flintstones con scatola, un modello Mercury in scala 1:43 circa

Fra i pochi modelli militari della Mercury c’é questo piccolo carro armato tipo Sherman, in scala 1:100

Non facili da trovare sono i modellini Minix della Triang in scala H0 (1:87). Qui la Ford Anglia

Presentiamo ora un carro merci della Pocher di Torino d’inizio anni Cinquanta del Novecento: il modello era in zamac (purtroppo soggetto facilmente a metal-fatigue) con boccole dei carrelli di bronzo. Come carico la Pocher utilizzava dei Micro Mercury, che si avvicinavano alla scala 1:87 dei treni. In questo esemplare c’é la Fiat 1400.

Concludiamo con un altro penny toy a molla, questa volta della Jean Hofler, prodotto nella zona d’occupazione americana della Germania dopo la guerra. E’ una berlina di tipo americano di latta litografata, in scala approssimativamente vicina all’1:66.

468 ad