Le coupe’ della Fiat viste da Kess

Negli anni ’60 le auto con carrozzeria coupé erano particolarmente apprezzate inquanto non erano piú appannagio dei carrozzieri ma erano presenti anche nei listini delle case automobilistiche generaliste. La Fiat nel 1967 presentó la 124 coupé e nel 1971 la 128 coupé, entrambe due auto che ebbero una buona diffusione. Il marchio Kess, colmando una lacuna che durava anni, ha riprodotto entrambe le autovetture con mano felice.

In the sixties the  cars with coupe body they were especially appreciated because they were no longer the preserve of bodybuilders but they were also present in the lists of generalist carmakers. Fiat in 1967 introduced the 124 coupe and in 1971 the 128 coupé, both two cars that had a good spread. The Kess brand, filling a gap that had lasted years, has played both cars with happy hands.

 

Kess Feb 2016 030La Fiat 124 sport coupé della Kess affiancata alla riproduzione della Mercury, entrambe in scala 1:43

Kess Feb 2016 026Un dettaglio che evidenzia le numerose parti applicate

La Fiat 124 Sport coupé prima serie é stata riprodotta in passato solo dalla Mercury, all’epoca della produzione dell’auto e inserita nella serie economica. Infatti la riproduzione in metallo pressofuso é piuttosto semplificata, con pochi dettagli, ma nel complesso cattura abbastanza fedelmente le linee dall’auto vera. La Kess colma una vera lacuna in quanto il suo modello in scala é ricco di particolari, accurata miniaturizzazione degli interni ed é disponibile nelle tonalitá originali rosso, giallo e bianco.

Kess Feb 2016 021La vista di tre quarti anteriore mette in risalto la buona interpretazione del modellista

Kess Feb 2016 036Il confronto tra i modelli in scala dela Mercury e della Kess evidenzia i notevoli progressi raggiunti dai modellisti contemporanei

Kess Feb 2016 028Come di consueto il pianale non presenta molti dettagli

Kess Feb 2016 022 Le linee dell’auto sono ben catturate ed anche le proporzioni sono ben mantenute

Kess Feb 2016 001

La Fiat 128 coupé SL della Kess affiancata alla stesso soggetto miniaturizzato dalla torinese Mercury

Kess Feb 2016 006La vista di tre quarti posteriore del modello in scala di Kess

La Fiat 128 coupé é stata riprodotta in passato in scala 1:43 dalla Mercury e dalla Mebetoys. Non erano miniaturizzazioni da urlo, ma oneste nel complesso e considerando l’epoca. Ad interessarsi allo stesso soggetto, ma in scala 1:25 fu sempre la Mebetoys; in tempi piú recenti ci pensó Laudo Racing, prima in scala 1:25 ed in seguito in scala 1:18, realizzando cosí un buon modello disponibile sia nell’allestimento S che SL. Il modello prodotto da Kess é disponibile nei colori blu Francia, Rosso arancio e giallo Positano.

Kess Feb 2016 089La mascherina non é piú stampata in un solo pezzo assieme alla fanaleria come un tempo

Kess Feb 2016 002Anche viste da dietro le due riproduzioni presentano molte differenze nella precisione e nella qualitá

Kess Feb 2016 015Il modellino in scala della Fiat 128 coupé nella vista di tre quarti anteriore permette di apprezzare la fedeltá della miniaturizzazione

Kess Feb 2016 005

La riproduzione del pianale é semplificata

Norimberga 2016 007Il modello della Kess é disponibile anche in questa tipica colorazione “blu Francia”

Le Note Storiche

FIAT-124-Sport-Coupe-2371_6La Fiat 124 Sport Coupè

La Fiat 124 sport coupé venne presentata nella primavera del 1967 e piacque subito per la sua linea pulita ed abbastanza personale, opera del centro stile della Fiat e per la possibilitá di ospitare nell’abitacolo quattro persone con una certa comoditá. Il motore era lo stesso della 124 sport spider ed il cambio in seguito ebbe una quinta marcia, ma di riposo. Nel 1969 venne presentata la seconda serie, con un frontale modificato a quattro fari ed un propulsore derivato da quello della Fiat 125, potenziato con l’ausilio di due carburatori e che si affiancava a quelllo di 1400 cc della serie precedente. L’ultima serie del 1972 é forse quella con meno personalitá in quanto le modifiche estetiche non furono apprezzate da tutti. In compenso i motori di 1600 e 1800 cc derivati da quelli montati sulla Fiat 132, mantennero delle buone prestazioni e grazie all’alimentazione a singolo carburatore divennero piú regolari nel funzonamento e piú facili da mettere a punto.

fiat_128_sport_coup_1300_s_large_37037

La Fiat 128 coupé SL

La Fiat 128 coupé venne presentata al Salone dell’Auto di Torino del 1971 in sostituzione, anche se in ritardo, della Fiat 850 coupé. L’estetica era stata condizionata dal mantenere un abitacolo per quattro persone unitamente ad un bagagliaio capiente. Gli allestimenti erano due: la S caratterizzata dai fari singoli rettangolari e da un dotazione meno ricca e la SL con mascherina anteriore a quattro fari tondi ed un allestimento migliore. La S non ebbe molta diffusione, mentre per la meccanica era possibile scegliere tra due brillanti motorizzazioni: il 1100 cc ed il 1300 cc entrambi piuttosto brillanti. Il pianale della 128 berlina era stato accorciato per migliore la maneggevolezza, ma il cambio mantenne solo 4 rapporti. Nel 1975 apparve la seconda serie, la 128 3P, che si disitingueva per delle modifiche di carrozzeria e l’adozione del portellone posteriore. I propulsori subivano delle modifiche che rendendoli più elastici aumentavano leggermente la potenza del motore 1100 e riducevano in modo non sostanziale il motore 1300. Nel 1980 cessó la produzione di questo tipo di autovettua che era stata prodotta anche in Spagna dalla Seat ,ma in questo caso utilizzando i propulsori della Fiat 124 caratterizzati dalla meno nobile distribuzione ad aste e bilanceri. 

468 ad