KESS Lancia Artena III serie 1934 e Ford LTD Country Squire 1968

Arrivano nei negozi due modelli di Kess in scala 1:43, già visti a Norimberga in forma di prototipi e finalmente in vendita per la gioia degli appassionati.Con la Lancia Artena si viene a colmare un vuoto nelle collezioni di modellini Lancia. La Artena, ingiustamente dimenticata, sostituiva di fatto la Lambda, mantenendo un motore 4 cilindri a V stretto di 2 litri di cilindrata e una potenza di 52 Cv, ma adottando un autotelaio classico (anche se perfezionato dalla  Lancia) che ne consentisse l’allestimento di carrozzerie speciali da parte dei maestri dell’epoca.

Kess Lancia Artena (7)

Il bel modello Kess della Artena IIIª serie, di colore blu

vieditalia1934

Pubblicità d’epoca del modello con le ruote di scorta posteriori

Kess Lancia Artena (3)

La vista laterale del modello Kess mette in evidenza lo specchietto sagomato

Sulla terza serie la potenza era stata incrementata a 55 Cv ed il telaio veniva offerto con due lunghezze di passo, sulle quali Lancia offriva delle berline a 4 e a 6 luci. Il modello Kess riproduce per l’appunto una Artena IIIª serie berlina 6 luci del 1934, con carrozzeria ufficiale Lancia.

Kess Lancia Artena (2)

Nel modello fotografato a Norimberga lo specchietto appariva molto esile

Kess Lancia Artena (6)Kess Lancia Artena (5)

Disponibile in color amaranto scuro o blu Lancia con i parafanghi neri, l’Artena di Kess è un piccolo capolavoro di finezza. La linea della vettura è catturata perfettamente ed è stata scelta una versione con due ruote di scorta inserite nei parafanghi anteriori, molto scenografiche rispetto alle versioni con una o due ruote sovrapposte in coda.

Posteriormente Kess ha montato, come sull’auto vera, un portapacchi.

Molto riusciti sono i dettagli della verniciatura e soprattutto, del battistrada delle piccole gomme, un particolare spesso trascurato dalla maggior parte dei produttori.

Kess Lancia Artena (8)

LHA022 - Artena3.Serie1934-039

Rispetto al prototipo visto a Norimberga, dotato di un finissimo specchio retrovisivo in fotoincisione, bello ma un po’ piatto, il modello definitivo reca uno specchietto sagomato in modo preciso come sulle vetture reali.

Visto da sotto, vi è traccia del telaio perimetrale con crociera di rinforzo e un abbozzo di meccanica, compreso il tubo di scarico, dipinto in alluminio satinato per dare risalto al terminale.

Kess Lancia Artena (4) 

Molto più vicina ai giorni nostri ed affascinante per le sue fiancate finto legno è la classica Station Wagon americana Ford LTD Country Squire del 1968, che la Kess ha scelto di riprodurre dimostrando di avere un occhio attento per gli appassionati d’auto americane.

Ford Country Squire 68

Ford LTD Country Squire 1968

La LTD era nata nel 1965 come modello top della gamma Galaxie 500 e presto era diventata una linea a sé stante. Sul nome, che si pronuncia “El-Ti-Di” e non “Limited” come nel caso della sigla commerciale “Ltd” in uso nei paesi anglosassoni, sembrerebbe significare Luxury Trim Decor, con riferimento alle finiture di lusso applicate al modello alto di gamma Galaxie.

Kess Ford Country Squire 1968 (b)

Kess Ford Country Squire 1968 (9)

Qualunque sia la storia del nome LTD, qui ci troviamo di fronte a un ottimo modello della Station Wagon a 9 posti (si vedano i sedili aperti nel vano bagagli e destinati a trasportare soprattutto dei bambini).

ford_ltd_country_squire_station_wagon_3

Come già osservato nei modelli Kess, la verniciatura e l’applicazione di scritte e decalcomanie è molto buona. Nella mascherina, cromata ma con un passaggio di vernice nera che conferisce il giusto senso di profondità, è ben leggibile la targhetta LTD posta a destra sulla calandra.

Kess Ford Country Squire 1968 (7)Kess Ford Country Squire 1968 (13)

Kess Ford Country Squire 1968 (5)

Notevoli sono gli interni, anche se è difficile renderli bene in fotografia, per via dei riflessi sui finestrini, molto ben applicati. Si intravede perfino la classica strumentazione di questa tipica vettura americana.

Kess Ford Country Squire 1968 (6)

Notevole infine è la riproduzione del portapacchi, realizzata in fotoincisione e perciò un po’ delicata (il rischio di piegare le barre con la semplice pressione di un dito è piuttosto alto), però di grande effetto e appare in scala con la riproduzione dell’autovettura.

Il telaio dell’auto è accennato e rende merito al produttore di non limitarsi ad un banale fondino piatto, anche se i dettagli non sono numerosi.

Kess Ford Country Squire 1968 (4)

Kess Ford LTD Country Squire 1968, 1:43

 Kess Ford Country Squire 1968 (14)

Si tratta di due modelli in cui il rapporto qualità prezzo risulta ottimo e in cui la scelta dei soggetti da riprodurre non ci espone al problema di acquistare un doppione da mettere in collezione.

468 ad