JENSEN C V8 Mk III 1965 – SILAS MODELS 1 : 43

Possiamo dirlo senza paura di essere smentiti: questa Jensen C V8 Mk III di Silas Models è proprio un bel modello. E non lo è soltanto per la sua ottima fattura, ma soprattutto per la scelta che Silas ha fatto nel riprodurre questa vettura: un artigiano che si lancia a replicare in scala vetture sportive (e non solo) rigorosamente inglesi, a volte pressoché sconosciute merita un plauso. A onor del vero, recentemente anche Matrix ha proposto questa vettura in scala 1:43, riproducendo però una Mk I, differente in alcuni particolari. Quindi, nel caso di Silas Model, stiamo parlando di una variante, proposta in tre colori (verde con interni beige, grigia antracite con interni rossi, azzurro metallizzato con interni neri) e perdipiù in tiratura limitatissima di 100 pezzi per ogni colore.

Foto di Andrea Torchio

Jensen_copertina

Sicuramente questa Jensen C V8 Mark III non è una delle auto degli anni ‘60 più note al pubblico: e dire che i 330 cv sprigionati dal suo motore Chrysler V8 da 6 litri la rendevano capace di prestazioni di tutto rispetto (tra cui un’accelerazione di 6,7” secondi da 0 a 100, valore notevole ancora oggi) che avrebbero potuto senza dubbio farla entrare di diritto nel ristretto club delle maggiori supercar dell’epoca. Probabilmente fu la linea, così tipicamente inglese, a farla restare in disparte. Non dimentichiamo che le sue principali concorrenti si chiamavano Ferrari 275 GTB, Jaguar E-type, Mercedes 230 SL, tutte meno potenti ma senz’altro più moderne dal punto di vista estetico, almeno per chi non è spiccatamente anglofilo.

Jensen_trqcmusoJensen_trqcoda

In ogni caso, Silas ha fatto un lavoro veramente ottimo: la particolare linea della vettura, che per certi versi ricorda un po’ la Mercedes 300SL, è riprodotta benissimo. L’ottima verniciatura, in questo caso un classico Verde Inglese (definito dal costuttore Deep Carriage Green), lucidissima e del giusto spessore, contribuisce ad esaltare le linee “morbide” del modello. La fanaleria, sia anteriore che posteriore, è molto bella: tutte le luci sono in plastica trasparente bianca, rossa o arancione; i fari hanno la giusta profondità e soprattutto sono privi dell’antiestetico perno di fissaggio.

Jensen_musoJensen_coda

Tutte le parti cromate sono applicate e la maggior parte sono delle fotoincisioni: sono in plastica solo i paraurti e le maniglie delle portiere e del cofano posteriore. Bellissimo il logo sul cofano motore, fotoinciso e verniciato di rosso al suo interno. Molto fini anche la griglia della calandra e il profilo cromato sulla presa d’aria e veramente minuscole, anche se perfettamente leggibili, le due targhette di identificazione del modello poste sulla coda.

 Jensen_fiancodx A essere pignoli (molto pignoli, ma alla fine siamo qui apposta) le cornici dei finestrini, fotoincise e ben dettagliate (sono presenti anche le cerniere del vetro a compasso posteriore!), risultano un po’ piatte; certo è che una semplice verniciatura in argento non avrebbe reso lo stesso risultato. Jensen_part

Le ruote sono del giusto diametro e spessore: purtroppo, come spesso capita sui modelli di fattura artigianale, sono fisse. Gli pneumatici hanno una scolpitura accurata, i cerchioni, verniciati in alluminio, hanno la coppa coprimozzo cromata e decorata con una mcroscopica decal al centro. È da notare che, nonostante le minuscole dimensioni, i fori dei cerchi sono passanti.

Jensen_interno3

Jensen_interno2

Jensen_interno

I rivestimenti degli interni sono di un bel color pelle beige ed anche in questo caso la cura è notevole. Il cruscotto in legno é reso con una decal, così come gli altoparlanti sui pannelli posteriori. Il volante ha la corona verniciata color legno e le razze fotoincise. Nel modello esaminato è stato montato piuttosto inclinato verso il basso. Purtroppo non è stato possibile fare foto più dettagliate degli interni perché non è stato possibile smontare il modello: la carrozzeria è incollata al fondino. Quest’ultimo riporta una sommaria riproduzione degli organi meccanici, ma presenta i tubi di scarico applicati .

Jensen_altoJensen_fondo

Una nota la merita anche la confezione: la vettura è avvitata ad una basetta nera, coperta da una teca in plastica trasparente molto lucida e quasi nulla deformante; il tutto è avvolto in un astuccio di cartoncino, stampato in un elegante rosso scuro e riportante sulle facce il logo Silas Models, rifinito da un’elegante plastificatura opaca. Insomma, l’aspetto generale è più da modello di grande serie (e di alta gamma) piuttosto che da “speciale”. Se a tutti questi pregi aggiungiamo un ottimo rapporto qualità/prezzo, abbiamo un modello imperdibile sia per gli appassionati di vetture inglesi, sia per tutti i collezionisti interessati a vetture particolari o semplicemente amanti delle belle riproduzioni.

Jensen_spoton2

La Jensen C V8 di Silas Models affiancata ad una sua antenata… la Jensen 541 di Triang Spot-On

468 ad