I CAMIONCINI DELLA BIRRA

 

 

NAG 31hp 1903 “Fürstenberg”, Grell, 1/87

Modelli e giocattoli promozionali, ovvero realizzati appositamente a scopo pubblicitario per vari fabbricanti, ne sono sempre esistiti. Sia che si trattasse di stampi completamente nuovi oppure modelli esistenti con decorazioni particolari.

Wörlein MAN Phoenix

MAN-Phoenix “Wittenberger Löwenbrau”, Wörlein, 1/87

Da qualche anno viene registrato un fenomeno tutto particolare: quello dei camioncini della birra che, nato in sordina in Germania 18 anni fa, si è sviluppato enormemente in questi ultimi 5 o 6 anni.

Un accanito collezionismo di autocarri promozionali decorati inizialmente con le più svariate pubblicità di birra e poi anche di altre marche di bevande o di prodotti di altro genere.

DGD MAN+rimorchio

MAN autotreno “Landliebe”, DGD, 1/87

Questi veicoli sono generalmente realizzati in scala 1/87, raramente in scale fino all’1/50.

Hümmer Phänomen Garant

Phänomen Garant “Lübzer Pils”, Hümmer, 1/50

A tutto il 2005 se ne contavano oltre 10.700 diversi (tra modelli e livree), per oltre 42.000.000 di pezzi assortiti prodotti.

Nel corso degli anni accanto ai veicoli industriali si sono affiancati anche autobus, furgoncini e auto, queste ultime talvolta anche in scala 1/66, 1/50 e perfino 1/43. La fortuna di questi modelli sta nella grande scelta di allestimenti/colori/rimorchi e accessori, oltre che alle vivaci e indovinate decorazioni, uniti a un prezzo di partenza decisamente basso.

Grell Mercedes Travego

Mercedes Travego “Kulmbacher”, Grell, 1/87

Hümmer Magnum+Framo

Renault Magnum “Eibauer” con furgone Framo, Hümmer, 1/87

Dürkopp

Dürkopp 1908 “Fürstenberg”, Gefra, 1/87

Inizialmente costavano sui 2 DM e oggi hanno prezzi che partono da appena 99 centesimi per arrivare sui 2-4 euro circa all’origine.

Motorart

Un recentissimo Volvo dell’acqua minerale “Astra” prodotto in Cina e venduto in Svezia dalla Motorart

Blick Idea

Una Fiat Idea della “Gerslsteiner” sponsor del Tour de France, Blick, 1/66

I modelli riprodotti inizialmente erano pochi autocarri contemporanei MAN, Mercedes e Scania. Poi la serie si è allargata a comprendere Volvo, Daf, Renault (Magnum) e autocarri americani di varie marche. Qualche veicolo d’epoca aveva fatto la sua comparsa anni fa, ma era del tutto anonimo, ispirato a certi modelli Lledo, e perciò non attribuibile a un reale autocarro. Poi le cose sono migliorate e sono apparse discrete riproduzioni d’autocarri degli anni ’20 (Dürkopp, Hörch, Magirus), e insieme a questi molti veicoli degli anni ’50 (Büssing, Man, Mercedes 311 e Kurzhauber, Scania Vabis e così via), sempre proposti nelle livree delle marche di birra, di acque minerali, succhi, e poi altre. Per gli appassionati di cose un po’ esotiche ricordiamo anche riproduzioni di camion KraZ e Kamaz russi e poi dei vari IFA W50 e Robur della DDR, per non dimenticare alcuni fantasiosi prototipi di Colani, l’estroso designer tedesco.

DGD Colani Hofbrau R

Autoarticolato Colani “Hofbrau”, DGD, 1/87

Heg Horch Zwickauer

Hörch 25 PS 1914 “Aktienbrauerei Zwickau”, HEG, 1/87

Grell IFA H6 bus Guinness

Autobus 2 piani articolato IFA H6 “Guinness”, Grell, 1/87

Grell IFA W50

IFA W50L “Braugold”, Grell, 1/87

Tutti i modelli sono prodotti in Cina e sono commissionati da varie aziende tedesche specializzate in oggetti promozionali, quali Grell, Hümmer, Amon, DGD, la EKBG, Eurosun, Gefra, Heg,Top Style, Vierke, Wörlein e ci scusiamo se ne è sfuggito qualcuno.

Grell Sternquell gift setGrell Wartburg-EMW-IFA

Scatola regalo Sternquell con Wartburg 312, EMW 327 coupé, IFA F9 e Wartburg Camping, Grell, 1/66

E’ interessante quanto commissionato alla Grell dalla Sternquell e dalla Braustolz, due birrerie situate nei territori della ex-Germania Est (DDR): si tratta di due serie di modelli, che si completano a vicenda, tutte dedicate ad automobili e furgoncini leggeri della DDR, in scala 1/66 circa (non del tutto costante), fra i quali vi sono riproduzioni tuttora inedite nelle scale maggiori. Le prime tirature sono state tutte realizzate avendo come base per lo più una tinta verde metallizzato che si rifaceva al verde delle etichette della birra, con poche eccezioni di tinta diversa. Esauriti i modelli-base, la serie è stata riproposta in colori pastello normali e sono state aggiunte versioni speciali come i Taxi, le auto dei pompieri e della Volkspolizei. La serie è stata quindi allargata, ma con minore entusiasmo, a riprodurre altre vetture dell’Est europeo, a cominciare da una Tatra 603 per andare alle vetture russe. Dopodiché sono state riprodotte anche delle motociclette, in scala compatibile con l’1/43.

Grell Sachsenring

Sachsenring P240 kombi e berlina, Grell, 1/87

Grell Trabant 500 & kombi

Trabant 500 kombi (prima edizione) e P500 (seconda edizione in colori reali), Grell, 1/66

Grell Robur Garant

Phänomen Granit, Grell, 1/66

Hümmer 1-87+Grell 1-66

Volkswagen Bulli “Siebers” della High Speed per Hümmer, 1/66 e VW 1200 “Dinkel Acker” e Samba bus “DB”, Grell, 1/87

La birra Eku ha invece proposto modelli d’auto tedesche che sembrano nate apposta per integrare i modelli Siku che – all’epoca – non le avevano riprodotte.

Grell Ford-DKW-NSU

Ford Taunus 17M, Auto Union 1000 SP spider e NSU 1000, Grell, 1/66

Interessante anche l’uso di stampi presumibilmente della High Speed per la commercializzazione di una serie di Porsche in scala 1/43 insieme ad altre vetture (per esempio una VW Karmann Ghia).

Grell Karmann Ghia

Volkswagen Karmann Ghia, Grell 1/66 per la birra “Eku” e 1/43 per la birra “Fürstenberg

468 ad