Gli auguri della redazione di piccolegrandiruote

Il prossimo inizio anno sará un’annata interessante per gli appassionati di auto e di modellismo, in quanto ci saranno delle manifestazioni molto interessanti per entrambi i settori. Per il cultore dell’auto d’epoca a Torino, nei locali di Lingotto Fiere, dal 31 gennaio al 3 febbraio, verrá allestita una Auto Moto Retro di grande pregio con la mostra che celebra i 70 dalla nascita del marchio Abarth. A Parigi, Retromobile, dal 6 al 10 febbraio, celebrerá da par suo il centenario dalla nascita del marchio Citroën, i 60 anni dalla presentazione della Mini Minor, ed allestirá una particolare esposizione di cyclecar a marchio Bedelia. Dal 30 gennaio  al 3 febbraio a Norimberga si terrá la grandiosa fiera del giocattolo e come tutti gli anni la redazione di piccolegrandiruote si sposterá nella bella cittá tedesca per documentare le maggiori novitá del comparto automodellismo. Con i nostri migliori auguri di Buone Feste desideriamo ringraziare tutti i nostri appassionati lettori e l’editore che continua a sostenere questa pubblicazione con grande entusiasmo. Ringraziamo anche i produttori sia artigianali che industriali e gli organizzatori di Fiere e borse per la loro preziosa collaborazione. Per concludere invitiamo gli appassionati a contattarci a questo indirizzo: piccolegrandiruote@gmail.com. Noi ci teniamo molto ai vostri pareri e suggerimenti e ci piacerebbe avere un contatto stretto con chi ci legge.

The next year will be an interesting year for car and modeling enthusiasts, as there will be very interesting events for both sectors. For the vintage car enthusiast in Turin, in Lingotto Fiere pavillions, from 31 January to 3 February, will be set up a high-quality Auto Moto Retro with the exhibition that celebrates the 70 from the birth of the Abarth brand. In Paris, Retromobile, from 6 to 10 February, will celebrate the centenary of the birth of the Citroën brand, the 60th anniversary of the presentation of the Mini Minor, and will set up a special exposition of Bedelia branded cyclecars. From 30 January to 3 February in Nuremberg will host the grand toy fair and as every year the editorial staff of small-scale will move to the beautiful German city to document the major innovations of the model car industry. With our Best wishes for Christmas and New Year’s holidays we wish to thank all our passionate readers and the publisher who continues to support this publication with great enthusiasm. We also thank the producers, both artisanal and industrial, and the organizers of fairs and swap meeting for their precious collaboration.We invite fans to contact us at this address: piccolegrandiruote@gmail.com. We care about your opinions and suggestions and would like to have close contact with those who read us.
I compleanni 2019: 40 anni Lancia Delta, 60 anni Mini Minor, 50 anni Ford Capri, Autobianchi A112 e Fiat 130, 70 anni di autovetture Saab, 70 anni dalla fondazione del’Abarth, il centenario della Citroën, 120 anni di auto Opel.
Birthdays 2019: 40 years Lancia Delta, 60 years Mini Minor, 50 years Ford Capri, Autobianchi A112 and Fiat 130, 70 years of Saab cars, 70 years since the foundation of the Abarth, the centenary of Citroën, 120 years of Opel cars.
 

Lancia Delta, Mebetoys, 1:43

La Lancia Delta, presentata nel 1979, piacque subito per la linea elegante, disegnata da Giugiaro e qualcuno la definî una Golf in abito da sera. Le prestazioni erano sufficientemente brilanti, la tenuta di strada molto buona e le prestazioni brillanti. Solo l’abitabilitá e lo spazio per i bagagli erano criticabili. Venne prodotta dal 1979 al  1993.

The Lancia Delta, presented in 1979, immediately liked the elegant line designed by Giugiaro and someone called it a Golf in evening dress. The performances were sufficiently briliant, the road holding was very good and the performances were brilliant. Only the habitability and the space for the luggage were criticizable. It was produced from 1979 to 1993.

Lancia Delta HF 1600 Turbo i.e. 1986, Laudo Racing, 1:18

Autobianchi A 112 della Mebetoys, confezione promozionale per Autobianchi, scala 1:43

L’Autobianchi A112 venne presentata al Salone dell’Automobile di Torino nel 1969 e subito fu un successo grazie alla liea piacevole, le prestazioni particolarmente brillanti, il buon comportamento su strada. Venne prodotta in ben 7 serie sino al 1986.

The Autobianchi A112 was presented at the Turin Motor Show in 1969 and immediately it was a success thanks to the pleasant line, particularly brilliant performance, good behavior on the road. It was produced in 7 series up to 1986.

 

Autobianchi A112, Starline, 1:43

 

Mini Cooper S, Corgi Toys, 1:43

La Mini Minor. presentata nel 1959, fece invecchiare di colpo tutte le altre auto. Le caratteristiche erano davvero all’avanguardia: trazione anteriore, motore in posizione trasversale, ruote dal diametro di 10 polllici e sistemate ai quattro lati per favorire l’abitabilitá in uno spazio cosí limitato. Non era all’altezza il propulsore decisamente datato, ma ció non impedí alla casa automobilistica britannica di produrne piú di cinque milioni di esemplari dal 1959 al 2000.

Austin Seven, Sun-Star, 1:12

The Mini Minor. presented in 1959, suddenly made all the other cars grow old. The characteristics were truly avant-garde: front-wheel drive, engine in a transverse position, wheels with a diameter of 10 inches and arranged on all four sides to promote habitability in such a limited space. It was not up to the decidedly dated engine, but this did not prevent the British automaker from producing more than five million units from 1959 to 2000.

Austin Seven, Sun-star, 1:12

Mini 40 years,Corgi, 1:36

Ford Capri, Dinky Toys England, 1:43

 

La Ford Capri ebbe un buon successo a partire dalla sua presentazione al pubblico nel 1969. Utilizzava una meccanica tradizionale e non particolarmente brillante in quanto le prestazioni apprezzabili si ottenevano solo con i motori di maggiore cilindrata. Un particolare curioso era il fatto che le Ford Capri prodotte in Gran Bretagna montavano dei motori a 4 cilindri in linea a differenze delle Capri che uscivano dalla fabbriche della Germania che utilizzavano un propulsore a 4 cilndri con schema a V.

The Ford Capri had a good success starting from its presentation to the public in 1969. It used a traditional mechanic and not particularly bright because the appreciable performance was obtained only with the engines of greater displacement. A peculiar curiosity was the fact that the Ford Capri produced in Great Britain were equipped with 4-cylinder engines in line with the differences of the Capri that came out of the factories of Germany that used a 4-cylinder propeller with a V-shape.

La Fiat Abarth 1000 che partecipó alla gara in salita Trento-Bondone del 1964 guidata da Arturo Merzario, Brumm, 1:43

L’Abarth si fece conoscere ed apprezzare per le sue marmitte di scarico che davano un tocco di sportivitá anche ad una pacifica utilitaria.

The Abarth made itself known and appreciated for its exhaust pipes that gave a touch of sportiness even to a peaceful utilitarian car.

 

Fiat Abarth 595 esseesse, Mercury, 1:43

Le Fiat Abarth 595 SS e 695 SS  erano delle auto che utilizzavano la base della Fiat 500 con un motore di cilindrata maggiorata che permetteva delle prestazioni decisamente superiori. Erano utilizzate in prevalenza per partecipare alle gare in pista.

The Fiat Abarth 595 SS and 695 SS were cars that used the base of the Fiat 500 with a larger displacement engine that allowed much higher performance. They were mainly used to participate in races on the track.

 

L’Abarth 2000 S, Tecnomodel, 1:18

L’Abarth 2000 S del 1969 era un’auto da competizione piuttosto compatta e leggera spinta da un motore a 4 cilindri con distribuzione a 16 valvole e con una cilindata di circa 2 litri. La potenza massima era di 250 CV.

The 1969 Abarth 2000 S was a rather compact and light competition car driven by a 4-cylinder engine with 16-valve distribution and a 2-liter cylinder. The maximum power was 250 hp.

 

Fiat 130, Mercury, 1:43

L’ammiraglia di casa Fiat, svelata al pubblico nel 1969,  non ebbe successo a causa di un propulsore non particolarmente brillante e piuttsto assetato. Neppure l’adozione di un di maggiore cilindrata permise di ribaltare i risultati commerciali. Il comportamento stradale come l’abitabilitá erano apprezzabili.

The Fiat flagship, unveiled to the public in 1969, was unsuccessful due to a not particularly brilliant and more thirsty engine. Not even the adoption of a larger displacement made it possible to overturn commercial results. The traffic behavior as well as the habitability were appreciable.

Saab 92B, BoS-Models, 1:18

La Saab inizió nel 1949 a produrre autovetture che utilizzavano la moderna tecnica della trazione anteriore abbinata a dei motori di piccola cilindrata a ciclo due tempi, di derivazione DKW. Nel 1962 una Saab 96 preparate dalla casa automobilistica svedese vinse il Rally di Monte Carlo.

In 1949 Saab started producing cars that used modern front-wheel drive technology combined with two-stroke  engines of DKW derivation. In 1962 a Saab 96 prepared by the Swedish automaker won the Monte Carlo Rally.

La Saab 96 V4, MCG, 1:18

La Citroën TypeA découvrable  1919, Passion Citroën Atlas, 1:43 (foto da Kiosques43)

La Citroën Type A é stata la prima auto prodotta dalla Citroën. Fu un successo e le caratteristiche tecniche erano: motore a quattro cilindri in linea di 1327 cc, cambio a 3 rapporti, la carrozzeria era disponibile in tre varianti, torpedo, berlina e coupé

The Citroën Type A was the first car produced by Citroën. It was a success and the technical features were: in-line four-cylinder engine of 1327 cc, 3-speed gearbox, the body was available in three variants, torpedo, sedan and coupé.


Citroën 11 normale, JRD, 1:43

La Citroën Traction Avant venne presentata nel 1934 e si attiró l’attenzione di tutti per le caratteristiche decisamente rivoluzionari: scocca autoportante, trazione anteriore, motora montato su supporti in gomma per ridurre le vibrazioni, sospensioni a barere di torsione. Per l’epoca era un’auto dalla grande personalitá e di gran lunga migliore per il comportamento stradale e le prestazioni nei confronti della concorrenza. La produzione cessó nel 1957.

The Citroën Traction Avant was introduced in 1934 and everyone’s attention was drawn to the decidedly revolutionary features: self-supporting body, front-wheel drive, motora mounted on rubber mounts to reduce vibrations, torsion-bar suspension. For the time it was a car with great personality and far better for road behavior and performance towards the competition. Production ceased in 1957.

Da sinistra le Citroën 2 CV AZL di Vitesse e JRD, entrambe in scala 1:43

La Citroën 2 cv venne sperimentata negli anni della seconda guerra mondiale e nel 1948 il pubblico del Salone dell’Auto di Parigi ebbe finalmente la possibilitá di conoscerla. La tecnica era decisamente fuori dellordinario come l’aspetto esteriore decisamente spartano. Le sospensioni ad ampia escursione le permettevano di affrontare quialunque tipo di strada, il motore bicilindrico raffreddato ad aria aveva un buona affidabilitá e la trazione anteriore le garantiva una greande sicurezza. Il motore era decisamente anemico e con gli anni miglioró decisamente grazie agli aumenti di clin drata. La produzione terminó nel 1990 con quasi 4 milioni di auto prodotte.    

The Citroën 2 cv was tested in the years of the Second World War and in 1948 the public of the Paris Motor Show finally had the chance to know it. The technique was decidedly out of the ordinary as the decidedly poor exterior appearance. The wide excursion suspension allowed it to deal with any type of road, the air-cooled two-cylinder engine had a good reliability and the front wheel drive guaranteed a greande safety. The engine was definitely anemic and with the years it definitely improved thanks to the increase in engine displacement. Production ended in 1990 with almost 4 million cars produced

La Citroën DS 19, Dinky Toys France, 1:43

La Citroën DS 19 quando venne mostrata per la prima volta al Salone dell’Auto di Parigi del 1955 stupí tutti i vistatori. Non si era mai vista prima un’auto con una linea cosî moderna ed aereodinamica e con una meccanica molto particolare come le sospensioni oleopneumatiche regolabili in altezza, il tetto in materiale sintetico, il servosterzo, il servofreno,la frizione automatica ed i freni anteriori a disco. La Citroën mise fine alla vita della DS 19 nel 1975 con una produzione che superó il milione di auto.

The Citroën DS 19 when it was shown for the first time at the Paris Motor Show in 1955 surprised all the visitors. There had never been a car with such a modern and aerodynamic line and with a very special mechanics like the height-adjustable hydraulic suspensions, the synthetic roof, the power steering, the brake servo, the automatic clutch and the front brakes. disk. The Citroën put an end to the life of the DS 19 in 1975 with a production that exceeded one million cars.

Citroën C3 Aircoross, Norev, 1:43

La Citroën C3 Aircross deriva dalla C3 ed abbina un buon confort di marcia ad una piacevole agilitá. I motori sono a benzina a 3 cilindri e turbodiesel a 4 cilindri.

The Citroën C3 Aircross comes from the C3 and combines good ride comfort with agility. The engines are 3-cylinder petrol and 4-cylinder turbo diesel.

Opel Patent-Motorwagen 1899, Vitesse, 1:43

La Patent-Motorwagen del 1899, prima auto prodotta dalla Opel

Le Opel “Laubfrosch della Gama, scala 1:43

La Opel 4/12 PS “Laubfrosch venne presentata nel 1924 é venne apprezzata dal mercato. Essendo troppo simile alla Citroën 5HP l’Opel dovette difendersi da una causa intentata dalla casa francese. Il tutto si risolvette con la realizzazione di una nuova calandra per l’auto della Opel.

The Opel 4/12 PS “Laubfrosch was introduced in 1924 and was appreciated by the market, being too similar to the Citroën 5HP, Opel had to defend itself against a lawsuit brought by the French company.Everything is resolved with the creation of a new grille for the Opel car.

Opel Käpitan, Schuco, 1:43

L’Opel Käpitan era l’ammiraglia di casa Opel ed aveva tecnicamente molti punti in comune con le autovetture prodotta in America dalla General Motors. Un particolare accento era stato dato al confort ed alla capacitá di carico di passeggeri e bagagli, ma le prestazioni erano piuttosto calme come il comportamento stradale. La produzione della Käpitan ebbe inizio nel 1938 e terminó nel 1970 dopo ben 9 serie.

The Opel Käpitan was the flagship of Opel and technically had many points in common with the cars produced in America by General Motors. A particular accent was given to the comfort and the load capacity of passengers and luggage, but the performances were rather calm as the road behavior. The production of Käpitan began in 1938 and ended in 1970 after 9 series.

Opel Manta, Norev, 1:18

L’Opel Manta, nata nel 1970 per contrastare la Ford Capri, era un coupé con una buona abitabilitá ed un onesto comportamento su strada. Come nel caso della Ford Capri, le prestazioni di un certo rilevo si avevano solo nel caso dei modelli con motore di cilindrata abbastanza elevata. La vita della Manta terminó nel 1988 con la seconda serie.

The Opel Manta, born in 1970 to counter Ford Capri, was a coupé with good habitability and honest behavior on the road. As in the case of the Ford Capri, the performance of a certain relief was only in the case of models with a large engine displacement. The life of Manta ended in 1988 with the second series.

 

Opel Grandland X, Opel Collection, 1:43

L’Opel Grandland X utilizza una meccanica di origine Peugeot in quanto l’Opel é stata acquistata dalla Peugeot stessa. Si tratta di un SUV caratterizzato da spaziositá, confortecolezza e buone prestazioni.

The Opel Grandland X uses a mechanic of Peugeot origin as the Opel was purchased by Peugeot itself. It is an SUV characterized by spaciousness, comfort and good performance.

 

468 ad