Fiat 128 Sport Coupe’ 1100 S – Laudoracing Models scala 1 : 18

Nella storia dell’automobile ci sono esempi di auto bellissime, che hanno lasciato un segno indelebile nel cuore degli appassionati e di auto forse meno riuscite dal lato estetico ma che hanno brillato per le prestazioni elevate o per i successi nelle competizioni. Esistono però (e sono moltissime) anche alcune auto insignificanti e talvolta decisamente brutte, che meritano comunque un posticino nella storia di una Marca e nella vetrina di un collezionista.
Inutile dire che le grandi Case produttrici di automodelli snobbano sistematicamente queste “cenerentole” a quattro ruote, preferendo andare sul sicuro con riproduzioni di vetture accattivanti e sportive; si sa, i costi degli stampi nuovi sono sempre piuttosto elevati e non è facile ammortizzarli.
Fortunatamente, a colmare i “vuoti” nelle vetrine ci pensano gli artigiani, che spesso hanno il “coraggio” di mettere in catalogo non solo le spesso inflazionate supercar ma anche le semplici utilitarie… comprese quelle bruttine.

128S_musobasso

Maestre di questa filosofia sono le aziende come OttoMobile e Laudoracing Models, che hanno immesso sul mercato ottime riproduzioni di auto “popolari”, realizzate in resina in scala 1:18, prive di parti apribili, ma decisamente ben fatte e che hanno ricevuto un’ottima accoglienza da parte dei collezionisti.

128S_trqmuso128S_trqcodaMa se dal canto suo OttoMobile preferisce le auto francesi, Laudoracing ha già da subito prestato maggiore attenzione alle vetture italiane: dopo la Ritrmo 125 TC, la Fiat Uno Turbo, la Fiat 127 Sport ha proposto anche la riproduzione della Fiat 128 Sport Coupé, nelle due versioni 1100S e 1300SL.
Tra le due, abbiamo preferito la 1100S, perché, mentre della SL esistono alcune riproduzioni obsolete in scala 1:43 e in 1:24, della versione “base” S, con i suoi fari quadri e l’allestimento più spartano non esiteva, finora, alcun modello. A dire il vero, all’epoca anche di vetture in scala 1:1 nell’allestimento S se ne vedevano poche, in giro…

128S_alto

In ogni caso, già a partire dalla bella scatola, si nota subito una buona cura. Il modello è verniciato benissimo, la vernice è lucida e uniforme ed il colore scelto, un “blu Francia” molto brillante, è perfettamente intonato all’’epoca dell’ autovettura. L’aspetto è robusto ed il peso notevole. La linea è quella che è e ovviamente Laudoracing non poteva migliorarla; ma certo l’ha riprodotta con cura e precisione.

128S_fiancodx128S_fiancosxMolto belle le ruote, con il coprimozzo cromato, che calzano pneumatici dal battistrada dall’aspetto realistico. Peccato per la ormai cronica mancanza delle stampigliature sul fianco della gomma. É bella anche la fanaleria, sia anteriore che posteriore, giustamente brillante e con una buona profondità.

128S_muso128S_coa

La calandra é ben fatta, specifica per questa vettura e bello é pure il logo Fiat tondo, in rilievo, posto sul cofano. Sono ben realizzati anche i sottili tergicristalli e lo specchietto retrovisore esterno, cromato e dall’astina molto fine.

128S_interno

I vetri sono molto sottili, ben posizionati e non provocano distorsioni: è facile quindi osservare gli interni, anche in questo caso riprodotti con buona cura e precisione. Bello e realistico il colore scelto per la finta pelle dei sedili che sono anche ben conformati; bene anche per il cruscotto e per i pannelli della porta. Una chicca é la riproduzione dei ganci di chiusura dei finestrini posteriori a compasso.

128S_interno2

Meno bene, invece, per il volante, ben fatto ma per il quale avremmo preferito un tocco di vernice al posto della decal argento e per la maniglia di appiglio del passeggero, non applicata ma stampata direttamente sul soffitto e verniciata in nero. La riproduzione della pedaliera é migliorabile in quanto é un po’ troppo aderente al pavimento.

128S_fondoIl fondo del modello presenta una sommaria riproduzione della meccanica, ma lo scarico e la coppa dell’olio sono verniciati in argento.

128S_altoCODA

Concludendo, questo modellino è promosso a pieni voti: è una bella riproduzione di una vettura ormai rara, sicuramente da tempo attesa dai collezionisti di riproduzioni di auto prodotte dalla Fiat. E complimenti anche a Laudoracing, per aver compiuto una scelta veramente originale.

2238-thickbox_default

La Laudo Racing ha in catalogo anche la variante SL

Note storiche

La 128 coupé, presentata al Salone dell’auto di Torino del 1971, era disponibile a scelta con due motorizzazioni di 1100 e 1300 centimetri cubi, entrambe potenziate rispetto alla berlina. La carrozzeria era completamente diversa dalla 128 ed il passo era più corto per ottenere una maggiore maneggevolezza. Le sospensioni, derivate da quelle della berlina, erano state modificate ed irrigidite per fare fronte alle maggiori prestazioni. Gli allestimenti erano due, quello S, più semplificato con i fari anteriori rettangolari e quello SL con i doppi fari circolari anteriori ed una maggiore cura nelle finiture e negli accessori. Inutile dire che la variante semplificata venne venduta poco. Nel 1975 la 128 coupè fu sostituita dalla 128 coupè 3P, 3P come tre porte, in quanto venne adottato un portellone posteriore per facilitare il carico dei bagagli e la carozzeria venne modificata in numerosi dettagli. Per l’occasione il motore 1100 ebbe un piccolo incremento di potenza mentre il propulsore di 1300 cc ebbe una leggere riduzione di potenza massima compensata da un minor consumo ed una maggiore elasticità. La 128 3P uscì di produzione nel 1980.

FHA175~1

La Fiat 128 coupé S in una foto ufficiale

FHA176~2

La Fiat 128 coupé SL

FHA208~3

La Fiat 128 3P

468 ad