Ferrari “LaFerrari” Hot Wheels Elite 1 : 18

Come promesso in occasione della recensione del modellino Elite della LaFerrari in scala 1:43, siamo pronti ad esaminare nel dettaglio il modello in scala 1:18, che Hot Wheels Elite ha finalmente iniziato a distribuire nei negozi. Purtropo questa LaFerrari è destinata a diventare una delle ultime Ferrari riprodotte da Mattel: difatti dal 2015 l’esclusiva per la riproduzione delle vetture di Maranello sarà affidata al Cheong May Group (Maisto – Bburago).
Il modellino è disponibile, come di consueto, in tre colori: un classico rosso, il giallo e nero lucido. Abbiamo scelto la versione nera perché, in questa livrea, la particolare linea della vettura viene esaltata: sembra ancora più filante e i riflessi mettono in evidenza il rincorrersi e l’intersecarsi dei volumi della carrozzeria. In ogni caso, la linea è molto ben riprodotta. La verniciatura è lucidissima, decisamente uniforme e del giusto spessore. Come nella realtà, il tetto della vettura è con la fibra di carbonio a vista: l’effetto è stato realizzato con un decal. Sotto la giusta luce, il modello è veramente bellissimo.

Foto di Andrea Torchio

laferrari-copertinaStranamente, le altre parti che nella vettura reale sono in carbonio non verniciato, come lo spoiler anteriore, le bande sottoporta eccetera, sono prive di tramatura e semplicemente nere.

laferrari-fianco_sxlaferrari-fianco_dx

Il modello è completamente apribile, le ruote sono sterzanti. Le portiere si aprono “a farfalla” in avanti; restano aperte senza sforzo e non tendono a cadere, così come il grosso cofano posteriore, dotato di uno “scatto” che lo mantiene aperto senza sostegni nonostante il suo peso. Chiuso, il modello presenta qualche leggero disallineamento, in particolare tra tetto e portiere; le fessure tra le parti comunque sono piuttosto sottili.

laferrari-aperta

Le fitte griglie della grossa presa d’aria del muso e quella di sfiato sulla coda sono realizzate in fotoincisione, così come il tergicristalli. Molto bella la fanaleria, sia anteriore che posteriore. La terza luce di stop è stata giustamente collocata sotto il piccolo lunotto, ed è resa con una decal.

laferrari-musolaferrari-coda

laferrari-musobassoBelle anche le ruote, che, come al solito, lasciano intravedere gli enormi dischi freno e le relative pinze. Come al solito mancano le valvole di gonfiaggio, neanche semplicemente accennate nello stampo. Dimenticanza comune a molte altre riproduzioni, anche di marche differenti.

laferrari-part-ruotalaferrari-vano-anteriore

Sollevando il cofano motore, possiamo osservare una buona riproduzione del propulsore: colori e materiali hanno un aspetto piuttosto realistico, il coperchio dell’impianto di iniezione è ornato con un filetto rosso e due loghi Ferrari in fotoincisione adesiva; sono presenti diversi cablaggi di vari colori come nella realtà (ma stranamente sono stati “dimenticati” i cavi delle candele). L’interno del cofano presenta correttamente le canalizzazioni dell’aria.

laferrari-motore2

laferrari-motore1

Purtroppo, però, a parte il suddetto coperchio dell’iniezione e dei convogliatori dell’aria, stampati con una tramatura ad imitazione della fibra di carbonio, tutto il resto del vano motore, che nella vettura reale è ugualmente in fibra, è semplicemente colorato di nero (opaco) con un leggero effetto metallico. Questa è una soluzione già vista su altri modelli Elite, ma sinceramente avremmo preferito, almeno su questo modello “top”, una tampografia o anche solo una tramatura analoga a quella del coperchio filtro.

laferrari-interno1

laferrari-interno2

Stesso discorso per quanto riguarda gli interni: molto ben fatti i sedili, che ricordano bene la pelle e sono arricchiti da sottili profili rossi; bello il volante e le “palette” del cambio, finalmente del giusto spessore e bene per l’aspetto generale: ma le parti in carbonio lucido che caratterizzano la plancia della vettura reale sono state omesse, così come la verniciatura opaca antiriflesso della parte superiore (tra l’altro già vista su altri modelli Elite). I pannelli delle porte ed altri particolari presentano la tramatura “similfibra”.  Come già detto, l’aspetto generale non è male, ma avremmo preferito un po’ più di cura.

laferrari-trqcoda_bassa
Il fondo del modello è privo di interesse, perché completamente carenato e privo di parti meccaniche.

laferrari-fondoConcludendo, questa LaFerrrari di Hot Wheels Elite è sicuramente un bel modello, piuttosto spettacolare e di sicuro effetto, sia pure con qualche trascuratezza. In ogni caso, merita certamente un posto in vetrina.

laferrari-fianco_basso

468 ad