Ferrari F12 Berlinetta – Mattel Hot Wheels Elite scala 1 : 43

Il 29 febbraio del 2012 fu ufficialmente presentata, sul web, la vettura che avrebbe preso il posto della 599 GTB Fiorano all’interno della gamma Ferrari. Fu necessario però attendere fino al Salone di Ginevra dello stesso anno per poter ammirare “dal vivo” la nuova nata: veniva così svelata la nuova F12 Berlinetta, la vettura stradale a motore anteriore più potente e prestazionale mai costruita dalla Ferrari. La nuova F12 è più bassa, più corta, più stretta e più leggera della 599 GTB; il suo motore 12 cilindri da 6.252 cc sviluppa la bellezza di 740cv a 8.250 giri, che la lanciano a oltre 340 km/h (contro i 620cv ed i 330 km/h della 599 GTB). L’accelerazione è fulminante: da 0 a 200 km/h la vettura impiega solo 8,5 secondi, ben 2,5 secondi in meno rispetto al tempo segnato dalla “vecchia” 599 GTB.

Foto di Andrea Torchio

F12_copertina

Telaio e scocca sono in alluminio ed adottano, per la costruzione, materiali di derivazione aero-spaziale e processi innovativi come la termoformazione della struttura. La linea, studiata dal Centro Stile Ferrari in collaborazione con la Pininfarina, oltre ad essere splendida, riesce ad ottenere un risultato aerodinamico stupefacente. Per la prima volta, infatti, vengono utilizzati elementi di stile che in realtà ottimizzano l’aerodinamica, come ad esempio le aperture ai lati del cofano che convogliano l’aria sulle fiancate, a loro volta sagomate per aumentare la portanza al retrotreno senza utilizzare spoiler o altre appendici aerodinamiche che avrebbero aumentato la resistenza all’aria.

f12_lato-dx

f12_lato-sxTutto questo, mantenendo comunque un livello di confort elevato per il conducente ed il passeggero. Inoltre, la F12 ha un bagagliaio da 350 litri, che diventano 500 abbattendo la panchetta posteriore, comodamente raggiungibile sollevando il portellone.Mattel Hot Wheels non poteva certo lasciarsi sfuggire questa meraviglia e così ce ne presenta, nella serie Elite, la riproduzione in scala 1:43, disponibile in rosso, giallo metallizzato e blu.Il modellino è veramente molto bello. La linea particolare della vettura vera è ancora una volta molto ben catturata; le ruote sono di dimensione corretta e la verniciatura è molto brillante e d’effetto, in particolare nella bella livrea giallo metallizzato.

1200281_car-001

La Ferrari F12 in movimento in una foto ufficiale

 

f12_gialla_trqmuso

f12_gialla_trqcoda

Il muso, caratterizzato dalla enorme “bocca” della calandra, sfoggia una fanaleria molto ben fatta, considerando la scala; il lungo cofano ha lo sfogo dell’aria dipinto in nero e le due aperture aerodinamiche ai suoi lati sono passanti. I tergicristalli (sottilissimi) sono in fotoincisione, così come lo specchietto retrovisore interno ed i cavallini rampanti che ornano la calandra e la coda del modello. Il logo Ferrari sul cofano è invece reso con una fotoincisione adesiva. Bella anche la fanaleria posteriore, che comprende anche la terza luce di stop sul bordo del tetto e i due sottilissimi catadiottri posti subito sopra i tubi di scarico.

f12_muso

f12_coda

Bellissimi i cerchioni ed i pneumatici, che lasciano vedere i dischi freno e le relative pinze, ovviamente marchiate Ferrari. Non manca, al centro del cerchio, un minuscolo cavallino rampante in campo giallo. Addirittura, la serratura della portiera lato guida è applicata.

f12_trqmuso

f12_trqcodaGli interni sono molto ben fatti, ma purtroppo è quasi impossibile vederli (e tantomeno fotografarli); per poterli apprezzare come meritano è necessario smontare il modello.Si possono allora osservare il cruscotto, la cui strumentazione è resa con una decal, il bel volante con i manettini del cambio, la pedaliera, il poggiapiedi del passeggero, i pannelli portiera bicolori ed i bei sedili. Il colore “biscotto” della pelle è reso in maniera perfetta.

f12_cruscotto

f12_interno

 

 

1200270_car-001

Il lussuoso abitacolo della  Ferrari F12

Insomma, un gran bel modello. Ovviamente qualche difettuccio, a ben cercare, lo si trova: per esempio, le cornici nere dei vetri laterali sono un po’ spesse; l’assetto delle ruote, in particolare le anteriori, è leggermente largo e le ruote tendono a sporgere dalla carrozzeria; gli interni presentano alcune (minime) imprecisioni di verniciatura; e infine, la tampografia che riproduce il lunotto termico è un po’ troppo evidente: sarebbe stato meglio ometterla del tutto (visto che il lunotto termico è praticamente invisibile, sulla vettura vera) o renderlo, come sui modelli obsoleti, con una semplice e leggera incisione all’interno della plastica del vetro.
A parte questo, comunque, la F12 Berlinetta di Elite resta un bel modello, molto ben rifinito, in commercio ad un prezzo tutto sommato ragionevole. Imperdibile per gli appassionati!

f12_gialla_rossa1200279_car-002

Una bella vista dall’alto della Ferrari F12

468 ad