DODGE CHARGER R/T 1970 “THE FAST AND THE FURIOUS” HOT WHEELS ELITE 1 : 18

Mattel Hot Wheels prosegue il suo viaggio nel mondo del cinema e ci presenta la vettura protagonista del film “the fast and the furious”, capostipite di una lunga serie di successo, basata sulle avventure di una banda di fuorilegge dedita ai furti ed alle corse automobilistiche clandestine. Nei 6 film della saga sono quindi narrate le gesta dei due protagonisti, Dominic Toretto (interpretato da Vin Diesel) e Brian O’Conner (interpretato da Paul Walker, per ironia della sorte deceduto nel 2014 proprio in un incidente automobilistico). Il settimo film sarà nelle sale da aprile 2015. La nera e supervitaminizzata Charger è la vettura di Dominic Toretto (dal cognome, italoamericano di probabile origine sabauda…) già di proprietà del padre, morto ovviamente in un incidente in gara. Nel film vengono dichiarati ben 900 HP di potenza ed un’accelerazione di 9 secondi sul ¼ di miglio. La vettura viene distrutta alla fine del primo film, ma verrà ricostruita (e nuovamente distrutta) in altri film della serie.
La Dodge Charger è una vettura piuttosto amata dai registi: compare infatti spesso nelle pelllicole e nei telefilm americani. Le sue apparizioni più famose sono quelle nel film Bullitt, con Steve Mc Queen, con la memorabile scena di inseguimento tra una nera Charger e la Mustang del protagonista sulle strade di San Francisco e ovviamente, nei telefilm e nei film della serie “Hazzard”, con la Charger arancione denominata “Generale Lee”, che si esibisce in inseguimenti e salti mozzafiato.

The Dodge Charger is a car rather loved by filmmakers: it often appears in pelllicole and American TV series. His appearances are the most famous ones in the movie Bullitt with Steve McQueen, with the memorable chase scene between a black Charger and Mustang of the protagonist on the streets of San Francisco and of course, in the show and in the films of the series The Dukes of Hazzard” with orange Charger called the “General Lee“, who performs in breathtaking chases and jumps.

Foto di Andrea Torchio

charger_copertinaViene anche da pensare che, visto il numero di autovetture distrutte, in USA la Charger sia tuttora facilmente reperibile in grandi quantità. In effetti, la Charger fu una vettura di notevole successo: nata nel 1966, era una tipica Muscle Car: Ad una linea filante e sportiva (almeno secondo i gusti statunitensi) erano accoppiati motori di enorme cilindrata e potenze elevate, dotati di valori di coppia mostruosi.

charger_codabassaLa Charger R/T (Road & Track) era la più sportiva della gamma: presentata nel 1969, era disponibile con due motori, il 440 Magnum da 7200 cc e 375 HP a 4800 giri, dotato di 52 kgm di coppia a 3250 giri, ed il 426 Hemi (con camere di combustione emisferiche) da 6980 cc con 425 HP a 5000 giri e 56 kgm di coppia massima a 4000 giri. Il cambio poteva essere automatico a tre rapporti o manuale a 4 rapporti più retromarcia. Ovviamente i motori erano ampiamente elaborabili… anche con kit già offerti dalla Casa.

charger_fiancodx_bassacharger_fiancosx_bassaIl nostro modello è decisamente solido e pesante: sfoggia una verniciatura impeccabile, lucidissima e ben stesa. La linea della vettura, tipica “fastback” americana, è ben riprodotta, anche se in verità l’assetto, rispetto alla vettura reale, è un po’ troppo rialzato posteriormente. Il motore, che sporge esageratamente dal cofano anteriore, è molto aggressivo e d’effetto. La vettura, esattamente come nel film, monta cromatissimi cerchi “racing” a cinque razze, che calzano pneumatici tradizionali all’anteriore e tipo dragster al posteriore: notiamo però che dietro le ruote non c’è nulla… i dischi dei freni sono stati completamente dimenticati!

1970 Dodge Charger

Una foto ufficiale della Dodge Charger 1970

charger_trqmusocharger_trqcoda

charger_aperta

Apriamo le portiere: l’abitacolo è stato interamente spogliato, i pannelli sono stati sostituiti con lastre metalliche ed è stato aggiunto un roll-bar. E’ presente il solo sedile del pilota, dotato di cinture di sicurezza in tessuto correttamente ancorate ai tubi del roll-bar.

charger_interni1

charger_interni2

Il cruscotto è quello della vettura di serie: bella e realistica la fascia in finto legno che corre lungo tutta la superficie. Il volante è da corsa e sotto al cruscotto si trova il pannello con gli interruttori “supplementari”. Peccato che manchino i vetri laterali, che avrebbero donato una nota in più di realismo. In ogni caso, l’aspetto generale è esattamente quello che si può vedere nel film.

charger_muso_bassacharger_musocharger_particolare-aria

Il frontale della vettura è dotato di due coppie di fari, veramente molto belli. Nella vettura “di serie” i fari erano a scomparsa, e venivano celati da due coperchi a saracinesca: nel modellino sono presentati aperti, ma le due saracinesche, sia pur fisse, sono visibili asportando il cofano motore.

charger_motore1

charger_motore2

charger_motore3

A proposito di motore: qui i modellisti di Elite si sono dati un gran daffare, per riprodurre nei minimi particolari il propulsore, ovviamente cromatissimo secondo il gusto americano. Qui le fotoincisioni trovano un ampio utilizzo e sono riprodotti tutti i cablaggi e le grosse cinghie che trasmettono il movmento al compressore. Veramente un ottimo lavoro, completato da un buon uso del colore.

charger_coda

charger_baule

Aprendo il cofano posteriore troviamo il serbatoio del carburante, con ai lati due bombole del protossido di azoto che nel film viene utilizzato per sovralimentare il motore per brevi periodi, schiacciando un interruttore. Molto bella la fanaleria posteriore, interamente rossa come si usa negli Stati Uniti, dotata di buona profondità e luminosità.

charger_fondoIl fondo del modello, una volta tanto, si rivela ben dettagliato: possiamo osservare le sospensioni, la trasmissione, l’impianto di scarico… anche qui è stato svolto un buon lavoro.

charger_fiancodxcharger_fiancosxNel complesso il modelllo è accurato e di buona qualità, a parte la “svista” dei freni, rimediabile comunque con pezzi aftermarket facilmente reperibili. La tematica cinematografica è sicuramente interessante ed ha un buon seguito di appassionati. Nel nostro caso, può unire la passione per l’automodellismo con quella per il grande schermo… e magari farci iniziare una nuova collezione!

1970 Dodge Charger

Una foto ufficiale della Dodge Charger 1970

468 ad