Chevrolet Camaro ZL1 2018 – GT Spirit 1 : 18

Motore 6.2 litri, V8 turbo da 650 CV, scatto da 0 a 100 in meno di 4 secondi, Launch Control, Driver Mode Select per adattare le caratteristiche di motore, cambio, sterzo e sospensioni alle esigenze del pilota, Data Recorder, impianto frenante Brembo con pinze monoblocco a sei pistoncini, oltre 315 km/h di velocità massima, e per finire record sul “vecchio” Nürburgring percorso in 7’16″04. No, non si tratta della nuova supercar Lamborghini… ma di una “semplice” coupé americana, una di quelle Muscle Car che da qualche anno a questa parte vantano una dotazione esagerata di cavalli ad un prezzo più che accessibile e che stanno puntando sempre più alla guidabilità ed all’efficacia su strada. Già, è proprio della Chevrolet Camaro che stiamo parlando, nella sua ultima e più performante versione, la LT1, che GT Spirit ha fedelmente riprodotto in scala 1:18.

6.2 liter engine, 650 hp V8 turbo, 0 to 100 in less than 4 seconds, Launch Control, Driver Mode Select to adapt engine, gearbox, steering and suspension to the rider’s needs, Data Recorder, Brembo braking system with six-piston monoblock calipers, top speed over 315 km / h, and to finish a record on the “old” Nürburgring route in 7’16 “04. No, it isn’t the new Lamborghini supercar … but a “simple” American coupe, one of those Muscle Cars that for some years now have an exaggerated range of horses at amore than accessible price , and that are increasingly focusing on driveability and efficiency on the road. We are talking about Chevrolet Camaro, in its latest and most performing version, the LT1, which GT Spirit faithfully reproduced in 1:18 scale.

il modello è realizzato, come sempre, in resina. La vettura si presenta verniciata in uno splendido blu metallizzato (Hyper Blue Metallic) con inserti in nero lucido su cofano, tetto e coda. La linea, tipicamente “americana” e piuttosto massiccia, può non piacere ad alcuni, ma indubbiamente denota grinta e “cattiveria” da ogni angolo la si osservi. In ogni caso, anche questa volta i modellisti di GT Spirit hanno fatto un buon lavoro. L’assemblaggio è molto preciso, e la verniciatura è superlativa.
Anche nella vista di tre quarti la vettura si rivela molto grintosa. Nulla da dire sulla riproduzione, sempre di ottimo livello. Le superfici vetrate, molto sottili e trasparenti, sono applicate in maniera perfetta sulla carrozzeria. Si notano subito i due piccoli loghi ZL1 in fotoincisionie adesiva ai lati della “gobba” del cofano.

Nella vista laterale risaltano le belle ruote, dotate di cerchioni riprodotti finemente, che lasciano vedere i dischi freno (in metallo fotoinciso) e le relative pinze. Gli pneumatici non presentano stampigliature sui fianchi (purtroppo!).

Ben fatta la fanaleria, sia anteriore che posteriore. Sul muso, spicca l’enorme presa d’aria (specifica per questa versione) che lascia intravedere il radiatore. In coda, spiccano i quattro grossi terminali di scarico cromati, dotati di buona profondità. Il tipico “farfallino” Chevrolet è applicato, mentre la sigla ZL1 è in fotoincisione adesiva.

Gli interni, di colore nero con inserti in grigio, a causa delle ridotte superfici vetrate sono praticamente invisibili, o meglio infotografabili, ma sono ben riprodotti. Bello il volante, perfetta la forma del cruscotto; sono presenti le cinture di sicurezza in tessuto rosso, sia anteriori che posteriori. Non mancano le rifiniture color alluminio sul volante e sulla consolle centrale ed i loghi ZL1 sulla spalliera dei sedili; non sono però state riprodotte le cuciture rosse dei sedili. 

In conclusione: GT Spirit lavora assai bene, riesce a mantenere prezzi più che ragionevoli, ha un fiuto speciale per scegliere soggetti originali ed interessanti e si conferma ogni volta di più una bella realtà nel mondo del modellismo. E questa bella Chevrolet non fa altro che confermare quanto detto!

468 ad