MILANO AUTOCLASSICA 2016 18-20 MARZO

Oltre 50.000 visitatori. Chi l’avrebbe detto, tenendo conto che nel venerdì di apertura si è verificato anche uno sciopero dei treni che ha tenuto lontano da Rho Fiera chi veniva da fuori Milano?

More than 50,000 visitors. Who would have thought, considering that in the opening Friday occurred even one train strike that has kept away from Rho Fiera Milano who came from outside?

02 ingressoLe tre regine all’ingresso: Ermini 357 Sport Scaglietti 1955, Porsche 550 RS spyder 1955  e Ferrari 750 Monza 1955

Il successo di Autoclassica e della sua formula è sotto gli occhi di tutti. L’interesse per le auto d’epoca pure. E così si ripete la formula dell’accoglienza con una terna d’auto d’eccezione, poste praticamente all’ingresso, mentre sono sempre di piú i marchi ufficiali che prendono parte alla manifestazione: Abarth, Alfa Romeo, Maserati, Aston Martin, con la prima della Vulcan, Bentley, che presentava la Bentayga, Fiat, con le neonate 124 spider anche in versione Abarth, Infiniti, Jaguar, Lamborghini, Lotus, Maserati, McLaren, Mercedes-Benz e Porsche. Quasi un salone dell’auto in cui spiccava l’assenza della Maserati Levante, appena presentata a Ginevra.

The success of Autoclassica and its formula is there for everyone. The interest in classic cars as well. And so we repeat the formula of reception with an exceptional car tern, placed almost at the entrance, as more and more official brands taking part in the event: Abarth, Alfa Romeo, Maserati, Aston Martin, with the first of Vulcan, Bentley, which presented the Bentayga, Fiat, with baby girls 124 spider Abarth version also, Infiniti, Jaguar, Lamborghini, Lotus, Maserati, McLaren, Mercedes-Benz and Porsche. Almost an auto show in which stood out the absence of the Maserati Levante, just presented in Geneva.

Maserati KhamsinLa Maserati Khamsin venne prodotta dal 1973 al 1982

Alfa Romeo 1900L’Alfa Romeo 1900 del Museo Alfa Romeo di AreseAston Martin VulcanAston Martin Vulcan

E poi gli anniversari importanti: 100 anni di BMW, 80 anni della Fiat “Topolino”, 70 anni della “Vespa” e i 50 anni dell’Alfa Romeo Duetto spider. Per quest’ultima erano a disposizione tutte le versioni uscite nella sua lunga carriera: dall’Osso di Seppia del 1966 alle varie “coda tronca”. Peccato si trovassero in una zona scarsamente illuminata, che le valorizzava poco.

And then the important anniversaries: 100 years of BMW, 80 years of the Fiat “Topolino”, 70 years of the “Vespa” and the 50th anniversary of the Alfa Romeo Duetto spider. For the Alfa Romeo Duetto were available all versions in his long career: since the 1966 model to 1990 model. Too bad they were in a poorly lit area, that valorized little.

 

Fiat 500C BelvedereFiat 500 C Belvedere metallica 1952 e (sotto) furgoncino

Fiat 500C furgone San Carlo

BMW 3-15 Dixi 1930BMW 3/15 Dixi roadster 1930

BMW 315 1936BMW 315 cabriolimousine 1936

BMW 326 cabriolet 1939BMW  326 cabriolet 1939

BMW 335 1939BMW 335 berlina 1939

BMW 507 (1)BMW 507 roadster 1957

BMW 2002 TurboBMW 2002 Turbo

Bristol BMW 401 1950BMW in salsa inglese: la Bristol 401 1950 con meccanica derivata dalla BMW 328

Chi Vespa mangia le mele (2)Lo stand della Vespa richiamava la sua nota pubblicità “chi vespa mangia le mele. A partire da sinistra la 125 del 1948, la GS del 1958, la 125 del 1960, la TS del 1975 , la P 150 X del 1978, la ET4 150 del 1990 e la GTS del 2005

Notevole la partecipazione dei Club d’auto d’epoca: l’ASI aveva portato due pezzi dell’acquisita collezione Bertone, mentre il CMAE aveva dedicato il suo Stand ai mezzi di trasporto della Iª Guerra Mondiale, con la presenza di un autocarro Itala tipo 17 del 1915 oggettivamente rarissimo.


Alfa Romeo Bella Bertone 1999Alfa Romeo Bella Bertone 1999 allo stand ASI

Itala Tipo 17 1916Autocarro militare Itala tipo 17, 1915

CD-Panhard 1963La Panhard CD coupé prototipo del 1963 esposta dal Club Italiano Panhard che quest’anno avrà il suo raduno internazionale a Novara, nei giorni dal 13 al 16 maggio prossimi

Panhard barchetta AllemanoLa barchetta Panhard Dyna X86 disegnata dall’importatore italiano  Gastone Crepaldi e realizzata dalla carrozzeria Allemano in soli tre esemplari, Quello esposto é l’unico rimasto

Triumph Italia coupéLanza Motorsport esponeva una splendida e rara Triumph Italia Michelotti

La casa d’aste Galleria Pananti ha arricchito la mostra con alcuni pregevoli pezzi da porre in vendita, una quarantina in tutto, che sicuramente hanno attirato l’attenzione di possibili acquirenti, oltre che dei visitatori. Ecco alcuni veicoli che ci hanno particolarmente colpito.

Siata Daina 1400 FarinaSiata Daina Sport Berlinetta del 1951 carrozzeria Farina

Alfa Romeo 6C 2500 Boneschi (2)Alfa Romeo 6C2500 Presidenziale  carrozzeria Boneschi del 1950

Ferrari Ventorosso PavesiFerrari Ventorosso del 1989, realizzata dalla carrozzeria Pavesi sulla meccanica della 412

Lancia Lambda VII serie MM 1927Lancia Lambda VII serie corsa ex  Mille Miglia 1927

Mercedes 320 CE VelvetCuriosa coupé «Velvet» 3.2 CE su meccanica Mercedes 320 nata per iniziativa di un imprenditore italiano ed un artista italo-brasiliano

Buona la partecipazione dei privati, che oltre ai soliti mostri sacri, hanno saputo portare anche auto meno preziose ma altrettanto rare, almeno dalle nostre parti e che permettono al visitatore di rinfrescare i propri ricordi e scoprire delle auto ormai dimenticate

Ford Consul Capri (1)Coda lunga e cofano corto per la Ford Consul Capri

Ford Consul Capri

IMN Baio 1954Motocicletta IMN Baio 1954, decisamente difficile a vedersi

Isocarro 400 e IsomotoUn raro camioncino Iso 400 contornato da Isoscooter, Isomoto e Iso 250 presentati  dall’Iso Club

Lancia Astura Pininfarina 1934Lancia Astura cabriolet Pininfarina 1934

Lancia Aurelia B50 Farina 1951Lancia Aurelia B50 con elegante carrozzeria Farina del 1951

Land Rover Tickford SW 1951 (2)Land Rover Tickford Estate car del 1951. La trasformazione non ebbe successo perché convertiva la Land Rover in una vera automobile per la quale si pagava una tassa d’acquisto molto alta.

Maserati cataloghiDecisamente difficile da trovare il materiale d’epoca sulla Maserati 2000

Mercedes 190 berlina (1)Il massimo del minimo: Mercedes-Benz 190 a benzina del 1965

Morris EightInusuale dalle nostre parti: una Morris Eight 1939-48

Steyr Puch HaflingerInusuale da tutte le parti: un gatto delle nevi su base Steyr-Puch Haflinger

Suzuki JmniFuoristrada minima d’epoca: la Suzuki Jmni del 1979

VW T2 attrezzato barCuriosa trasformazione bar per un Volkswagen Transporter T2

DSCF1697Maestosa Bentley 3½ Derby del 1936

DSCF1704Alfa Romeo Giulietta TI ultima serie

Ferrari 365P 1965La Ferrari 365 P del 1965 monta un motore a 12 cilindri con una cilindrata di 4390 cc

Fiat 2800 MinisterialeFiat 2800 Ministeriale, già ad Milano Autoclassica 2015, ora perfettamente restaurata

Auto dei CarabinieriAlcune Alfa Romeo dei Carabinieri

Terminiamo con una selezione di Alfa Romeo Spider, di cui presentiamo in particolare l’evoluzione della coda, più significativa di quella subita dal frontale.
Alfa Romeo Duetto 1966Il gruppetto delle Alfa spider, con in primo piano la spider del 1969

Alfa Duetto e 1300 JuniorLa tipica coda a osso di seppia della Duetto 1600 del 1966 (bianca) e della spider 1300 Junior 1968 (rossa)

Alfa Romeo 1750 spider veloceAlfa Romeo 1750 Spider Veloce 1968

Alfa Romeo 1300 Junior spider 1969Alfa Romeo spider 1300 Junior coda tronca 1969

Alfa Romeo 2000 spider 1986Alfa Romeo spider 2000 quadrifoglio verde 1986

Alfa Romeo Spider 2.0 1990Alfa Romeo Spider 2.0  1990

468 ad