AutoArt Lamborghini Aventador LP 700-4 1 : 18

Della Lamborghini Aventador LP 700-4 ormai si è detto e visto tutto e il mercato dell’automodello oramai pullula di riproduzioni in tutte le scale di questa fantastica supercar: anche la nostra rivista si era tempo addietro occupata di una di queste, ma in scala 1:43 e prodotta da Hotwheels Elite. Certo è che il modello che ora andremo a recensire non è un inedito nella scala 1:18; però, quando la firma è AutoArt, perdipiù si tratta della serie di prestigio “Signature”, possiamo esser sicuri di avere a che fare con una riproduzione di alto pregio. E difatti non veniamo delusi neanche questa volta.

Foto di Andrea Torchio

aventador_copertina

La confezione della serie Signature rinuncia alla “finestra”, a favore di un astuccio  in cartoncino nero plastificato lucido,  all’interno del quale troviamo subito il certificato di autenticità numerato (787, numero anche scritto a mano sul fondo della vettura) e un pieghevole che ci illustra le caratteristiche del modello. Apprendiamo così che la “nostra” Aventador è composta da ben 327 parti in metallo e plastica, di cui 29 fotoincise. Altri due foglietti in carta sottile spiegano come maneggiare ed aprire le parti mobili del modello. Sono però stati eliminati il  consueto panno nero per lucidare il modello e l’attrezzo dotato di lente di ingrandimento. Restano però i due pratici gusci in polistirolo che avvolgono il modello, rendendo inutili altri sistemi di bloccaggio che non siano le sole quattro viti fissate sul fondo.

aventador_trqmuso

il modello è verniciato in Grigio Estoque, ovvero un sobrio grigio scuro metallizzato tendente al blu. Abituati come siamo a vedere la Aventador nello sfacciato arancione metallizzato con cerchi neri delle foto ufficiali, possiamo affermare che questa tinta mette in risalto le linee tese e dinamiche della vettura ma nel contempo le dona una notevole eleganza, accentuata dai cerchi color alluminio. Inutile dire che la verniciatura è perfettamente liscia, dallo spessore uniforme, estremamente lucida, con una “grana” metallica finissima.

profilo_alto_grigio_large-001

La Lamborghini Aventador LP 700-4 in una foto ufficiale

aventador_trqcoda

La linea del modello è praticamente perfetta, le parti mobili sono accoppiate con spazi ridottissimi e tutto l’assemblaggio denota una cura estrema. E’ possibile aprire le porte, il cofano portabagagli anteriore, il cofano motore; sono sollevabili le due “ali” aerodinamiche ai lati del lunotto ed anche lo spoiler posteriore. Le ruote sono sterzanti, ma le sospensioni sono fisse.

aventador_aperta

Da notare l’estrema cura posta nella riproduzione dei leveraggi che sostengono le portiere ed i due cofani. L’anteriore, in particolare, ha un movimento complesso, fragile solo in apparenza,  che riproduce esattamente la realtà. L’interno del portabagagli è ricoperto da una spessa moquette.

aventador_cofano

Molto belli i fari anteriori, con l’elemento poliellissoidale e la batteria di led della luce di posizione perfettamente riprodotti. Splendide anche le griglie fotoincise che coprono le prese d’aria del muso.

aventador_muso

Le portiere si aprono a scatto verso l’alto ed è necessario spingere leggermente in avanti la maniglia per sbloccarle. Gli interni, bicolori, sono di ottimo livello. La moquette che ricopre il pavimento è a “pelo raso”, ma gradevole al tatto. I colori sono realistici, e la strumentazione é leggibile, le leve di comando del cambio poste dietro al volante sono finissime.

interno_dx_large

L’abitacolo della Lamborghini Aventador LP 700-4

aventador_cruscotto

aventador_interno

aventador_interno2

Il cofano motore, al pari del baule, ha un movimento assai realistico e resta aperto sostenuto da due sottili barre telescopiche. Il motore è, come di consueto sulle vetture moderne, quasi invisibile, ma possiamo notare la bella griglia fotoincisa dietro gli ammortizzatori, gli ammortizzatori stessi (privi del logo Ohlins), la targhetta esagonale che indica l’ordine di accensione dei cilindri ed il coperchio con una bella trama “carbonio”.

motore_aperto_large-001

Il vano motore della Lamborghini Aventador LP 700-4

aventador_motore

Lo spoiler, orientabile  in due posizioni, é ben riprodotto e la fanaleria posteriore é assolutamente realistica. Sulla coda una griglia fotoincisa a maglia esagonale chiude tutti gli sfiati d’aria.

aventador_spoiler

aventador_coda

La fiancata mostra le due enormi prese d’aria dei radiatori posteriori, dotati della solita griglia e le bellissime ruote con freni a disco e pinze in bella mostra. Sono molto ben fatte, anche se minuscole, le luci di ingombro laterali di colore bianco, poste sui bordi dei passaruota.

aventador_fiancoSx

aventador_fiancoDx

Le uniche imprecisioni che abbiamo rilevato sono un piccolo difetto di stampo sul cruscotto, sotto la “batteria” di interruttori a sinistra del volante, la ormai consueta mancanza delle valvole di gonfiaggio delle ruote e, stranamente, l’omissione della sottilissima terza luce di stop posta sul bordo dello spoiler posteriore; particolare curioso, vista la cura posta nella riproduzione.

aventador_fondo

aventador_particolari

In ogni caso, siamo di fronte ad un modello di livello molto elevato; difficilmente AutoArt delude le aspettative.
La Lamborghini Aventador è disponibile, oltre che nel bel grigio qui presentato, anche in giallo Orion metallizzato, arancio Argos metallizzato, nero Nemesis opaco, bianco Isis opaco ed in blu turchese.

468 ad