Aston Martin Vanquish Coupe’ – AutoArt 1 : 18

Autoart continua ad ampliare la sua serie ”Composite”, formata, come ormai tutti i collezionisti sanno, da modelli con chassis in metallo e carrozzeria in ABS. Una delle ultime novità è la bella Aston Martin Vanquish Coupé, ovviamente nella scala 1:18. Anche se il colore bianco, nelle fotografie, non rende in maniera ottimale, possiamo senz’altro affermare che questo è un gran bel modello. Nonostante molti appassionati siano fortemente critici verso questo genere di modelli, giudicandoli come una sorta di “giocattoli” molto ben fatti, è un dato di fatto che i modelli compositi abbiano una definizione degli spigoli decisamente incredibile, unita ad una verniciatura sottilissima e perfettamente uniforme, oltre ad esibire delle fessure tra le parti mobili mirabilmente sottili, impossibili da ottenere su un modello pressofuso.

Autoart continues to expand its “Composite” series, formed, as by now all collectors know, from models with metal chassis and bodywork in ABS. One of the latest is the beautiful Aston Martin Vanquish Coupe, of course in 1:18 scale. Although the color white, in the photographs, does not make it in the best way, we can certainly say that this is a great model. Although many fans are strongly critical of this kind of models, judging them as a kind of “toys” very well made, it is a fact that composite models have a definition of the very incredible corners, combined with a paint tin and perfectly uniform, in addition to exhibit the slots between the moving parts admirably thin, impossible to obtain on a die-cast model.

Aston-vanquish_cop

Basta osservare le foto per accorgersi che anche questa Aston Martin non sfugge a questa regola.  Oltretutto, il prezzo di vendita, sia pur elevato, è inferiore a quello dei modelli pressofusi di pari qualità e soprattutto agli “artigianali “ in resina, che oltre tutto non dispongono mai di parti mobili.

Aston-vanquish_trqcoda

Aston-vanquish_trqmuso

Questa Vanquish è infatti interamente apribile ed ha le ruote mobili e sterzanti. Paradossalmente, sono proprio le parti mobili, in particolare i cofani, a prestare il fianco alle critiche più accese da parte di molti. In effetti la loro leggerezza può sconcertare, dando l’impressione di estrema fragilità (anche se in realtà non è così).

Aston-vanquish_aperta

In effetti, l’apertura del cofano anteriore può generare qualche ansia: AutoArt ha completamente eliminato le antiestetiche cerniere “a zampa di cane” (brutte ma solide) sostituendole con cerniere metalliche sottilissime, dal funzionamento identico a quelle reali. Per aprire il lungo cofano bisogna quindi sollevarlo e poi farlo ruotare sull’asse delle cerniere: due sottili pistoncini provvederanno a farlo stare aperto. Il pezzo è ovviamente molto leggero, ma anche se sembra, non è fragile: basta un minimo di cautela e ci accorgeremo che il movimento è perfetto.

Aston-vanquish_musocoda

Aston-vanquish_porte

Stesso discorso per le portiere, che giustamente si aprono con quel leggero movimento verso l’alto tipico delle Aston Martin.

Aston-vanquish_baule

Il baule, interamente rivestito in moquette, è anch’esso sostenuto da due pistoncini e presenta cerniere assolutamente realistiche.

Aston-vanquish_fiancosx

Aston-vanquish_fiancodx

<img class=”aligncenter size-medium wp-image-21009″ src=”http://www.piccolegrandiruote.com/wp-content/uploads/2016/06/Aston-vanquish_copcoda-550×271.jpg” alt=”Aston-vanquish_copcoda” width=”550″ height=”271″ srcset=”http://www.piccolegrandiruote.com/wp-content/uploads/2016/06/Aston-vanquish_copcoda-550×271.jpg 550w, http://www.piccolegrandiruote.com/wp-content/uploads/2016/06/Aston-vanquish_copcoda-768×378.jpg 768w, http://www task management system.piccolegrandiruote.com/wp-content/uploads/2016/06/Aston-vanquish_copcoda.jpg 1200w” sizes=”(max-width: 550px) 100vw, 550px” />

I particolari sono come al solito degni della qualità AutoArt: tutte le griglie, anche le prese d’aria sul cofano, sono in fotoicisione e passanti: le parti in carbonio sono finemente tampografate, le targhette di identificazione ed i marchi sono ottenuti con fotoincisioni adesive ed in rilievo, le cromature sono perfette e non troppo lucide, i cerchioni sono realizzati con una finezza esemplare, così come i dischi freno e le relative pinze; come di consueto per i modelli di Autoart, il realismo della fanaleria è notevole.

Aston-vanquish_interno1

Gli interni sono ben realizzati, anche se il monocolore nero li rende un po’ banali. Il pavimento è comunque rivestito da una spessa moquette, i sedili ed i pannelli portiera rendono bene l’idea della pelle, e non mancano tutte le tampografie sui pulsanti di comandi.

Aston-vanquish_interno2

Dietro al bel volante si possono vedere i manettini del cambio automatico-sequenziale a sei marce e le cinture di sicurezza sono in tessuto con fibbie fotoincise. Francamente, vista la qualità dell’insieme, ci stupisce l’uso di una semplice decal per realizzare il quadro strumenti: l’effetto è troppo piatto e perdipiù il colore dello sfondo è troppo chiaro.

Aston-vanquish_motore2

Aston-vanquish_motore1

La riproduzione del motore, un poderoso V12 di 5,9 litri da 576 CV, è buona ma purtroppo, come spesso capita sulle vetture moderne, un po’ “asettica”. Non si vedono cavi, cablaggi, tutto è ordinato e coperto. I colori sono corretti e non mancano le varie targhette, ma… non c’è spazio per l’emozione.

Aston-vanquish_fondo
Il fondo del modello è ben dettagliato, anche se alcuni particolari sono un po’ “piatti” perché frutto di un singolo stampo e non applicati a parte: nel complesso il risultato è comunque di buon livello.

Aston-vanquish_linea

In conclusione, AutoArt ci offre nuovamente un modello decisamente interessante, ad un prezzo ragionevole e con una buona dose di dettaglio, anche se qua e là affiorano alcuni particolari tesi ad un contenimento dei costi. In ogni caso, gli appassionati del marchio non resteranno delusi.

Aston-vanquish_cop2

La Aston Martin Vanquish è disponibile, oltre che Glossy White con interni neri del modello qui fotografato, anche in Skyfall Silver con interni rossi, Volcano Red e Selene Bronze con interni color “biscotto”. A voi la scelta!

00032

La vera Vanquish in una foto ufficiale

Per informazioni sui modelli in scala della Autoart contattare la Mini Miniera. Contatti tel 0171344420 oppure miniminierasas@gmail.com – sito web www.miniminiera.com

 

 

468 ad