70 anni Vespa – Mostra al Museo Nicolis

Dal 6 luglio al 30 ottobre prossimo il Museo Nicolis ospita una mostra dedicata al più iconico veicolo a due ruote del mondo: la Vespa. Mai nome fu più azzeccato, tanto che, pronunciato oggi, fa subito pensare allo scooter e non all’insetto.

From 6 July to 30 October next the Nicolis Museum is hosting an exhibition dedicated to the most iconic two-wheeled vehicle in the world: the Vespa. It never has been more appropriate name, so that, given today, it calls to mind the scooter and not the insect.

0 Al Via #ExhibitionVespa-001

La mostra espone 70 modelli di Vespa per i 70 anni dalla presentazione della prima Vespa

02 Vespa 98 1946

Vespa 98,  1946

L’esposizione è dedicata soprattutto al “papà” della Vespa, quell’eclettico ingegner Corradino D’Ascanio che creò il famoso scooter, l’Ape, la Vespa 400 e i dimenticati “Moscone”, piccoli motori fuoribordo ed i trattorini, adatti soprattutto per i grandi giardini. E anche il cinquantino “Ciao”, la sua ultima realizzazione: tutte rigorosamente esposte in un’ampia sala con diverse ambientazioni piacevoli a vedersi.

21 Ciao 1a serie 1967

Ciao prima serie 1967, ruote grandi e freni anteriori a pattino.

D’Ascanio non amava le motociclette, eppure progettó un veicolo straordinario: scocca portante in acciaio e sospensioni studiate come sugli aeroplani, in modo da poter smontare facilmente la ruota in caso di foratura. Completava il tutto una comoda posizione di guida, che risultava facile anche per una ragazza. Il motore, poi, sistemato praticamente sul mozzo, non aveva bisogno di catene di trasmissione.

Il nome è dovuto a Enrico Piaggio che, sentendola in moto esclamò: «Sembra una vespa!»

04 Vespa 125 1948

Vespa 125,   1948

05 Vespa sportive

La zona dedicata alle Vespa sportive

03 Vespa 98 corsa 1947

Vespa 98 corsa,   1947

06 Vespa Sport 125 1951
Vespa Sport 125,   1951

La mostra è disposta in vari settori: le prime Vespa (non c’é il prototipo “Paperino” perché non progettato da D’Ascanio), le versioni sportive, le Vespa 50 che si potevano guidare senza patente e le loro derivate (cosiddette a scocca piccola), le Vespa costruite su licenza nel mondo, un paio di Ape delle primissime serie, due Vespa “400”, l’auto utilitaria costruita in Francia e le Vespa degli anni ’70 con il famoso slogan “Chi Vespa mangia le mele”.

The exhibition is arranged in several areas: the first Vespa (there is not the prototype “Paperino”(Donald Duck) because not designed by D’Ascanio), the sporty versions, the Vespa 50 that you could drive without a license and their derivatives (so-called in small body), the Vespa built under license in the world, a few of the very first Ape series, two Vespa “400”, the subcompact car built in France and Vespa 70s with the famous slogan “Who Vespa eating apples “.

07 Vespa 125 Allstate 1952 (1)

Vespa 125 Allstate 1952, uno scooter venduto in USA dalla catena commerciale Sears, si noti il portatarga anteriore trasversale

08 Ape calessino 1953

Ape calessino 1953, con struttura in legno

09 pubblicità Ape

Riproduzione di una pubblicità dell’Ape

10 Vespa 125 Hoffmann 1954

Due fari e decorazioni teutoniche per la Vespa Hoffmann 1954

11 Vespa faro basso sidecar

Vespa a faro basso con sidecar

12 Vespe con sidecar

Vista dall’alto dei due modelli con sidecar esposti

13 Vespa GS motore 1955

Motore sezionato della Vespa GS 1955

14 Vespa 150 TAP 1956

Traino di rimorchietto con barella per la Vespa 150 TAP del 1956 tutta equipaggiata

In questa carrellata di fotografie rendiamo omaggio al Museo che ci ha ospitati, ma non vi mostriamo tutto quello che potrete vedere, per non togliervi il gusto di apprezzare le 70 Vespa esposte con una Vostra personale visita.

15 Vespa 125 1958

Vespa 125,   1958

16 Vespa 400 Lusso 1959 (3)

Vespa 400 Lusso,  1959

17 Vespa 125 1960 (3)

Il celebre contachilometri Vespa (GS 160  1962) dalla forma inconfondibile

18 Vespa 90 SS 1965

Vespa 90 SS 1966, con il finto serbatoio longitudinale sopra la ruota di scorta

19 Vespa 125 GT 1965 (1)

L’Omino Goccia della Esso saluta vicino al distributore della miscela, con accanto una Vespa 125 GT del 1966. A lato uno dei celebri manifesti degli anni Settanta (1971)

20 Vespa 50L 1966

Altra icona Piaggio: il celebre fanalino tutta plastica della Vespe 50L  (1966)

22 Vespa 50 SS 1968

Piuttosto rara a vedersi la Vespa 50 SS del 1966

23 Vespa 125 Primavera e 50 Special 1a serie 1969

Ambientazione “Peace ad Love” per le Vespe 125 Primavera 1968 e 50 Special 1969

24 Piaggio trattore T111 1969

Trattorino Piaggio T111 del 1969

25 Vespa Rally 200 1971

Vespa 200 Rally 1971 con la celeberrima pubblicità

26 Vespa 50 4V 1975

Amata dai ragazzi di qualche generazione fa: la Vespa 50 special  4 marce del 1975

27 Vespa 50 Special Elestart 1983 (1)

E per le ragazze era disponibile anche la 50 Special Elestart, nel 1983

28 Vespa E.T.S. 1985

Vespa E.T.S.  1985

29 Vespa 946 2012

Vespa 946 del 2012, una tradizione in chiave moderna

Non mancano alcune Vespa in scala per bambini, per lo più di produzione nazionale della Peg Perego, nota anche per le sue auto a pedali.

31 Peg Perego Vespa V050 (1)

Peg Perego Vespa V050

30 Diamant Vespa 400 a pedali (1)

Dalla Francia una Vespa 400 a pedali, marca Diamant, pronta da restaurare

250A4638

Un bella scelta di Vespa del passato

01 Mostra Vespa Nicolis

Il manifesto della mostra

Il Museo Nicolis é situato a Villafranca di Verona in Viale Postumia ed é aperto tutto l’anno, dal martedí alla domenica con orario continuato dalla 10 alle 18. Il lunedï é chiuso. Contatti telefonici: numero verde 800 189699 e +39 6303289 – 6304959.  Indirizzo mail: info@museonicolis.com  Sito internet: www.museonicolis.com   

The Nicolis Museum is located in Villafranca di Verona in Viale Postumia and is open all year round, from Tuesday to Sunday from 10h to 18h. Monday is closed. Call Us: Toll 800 189699 and +39 6303289 – 6304959. Email Address: info@museonicolis.com Website: www.museonicolis.com

 Plancia Vespa 70anni ITA

Noi di piccolegrandiruote.com consigliamo a tutti gli appassionati di procurarsi il libro “Vespa 70 anni” edito dalla casa editrice Giorgio Nada che permetterá di conoscere tutti i modelli e la storia di questo riuscito e popolare motoveicolo

We piccolegrandiruote.com recommend to all fans to obtain the book “Vespa 70 years” published by the publishing house Giorgio Nada that let you know all the models and the history of this successful and popular motorcycle 

Autore/i: Giorgio Sarti

Formato: 24.3×27 – Pagine: 496 – Foto: 1077 in b/n e a colori – Cartonato con sovraccoperta – Testo: italiano – Collana: Scooter

IN OCCASIONE DEL 70° ANNIVERSARIO

Nuova edizione aggiornata dell’ormai classico volume firmato da Giorgio Sarti, esperto sulla storia della Vespa, che nel 2016 celebra il suo il 7o° anniversario. Era infatti l’aprile del 1946 quando i primi quindici esemplari della Vespa uscirono dagli stabilimenti Piaggio. Fu quello il debutto di un rivoluzionario veicolo a due ruote che, oltre a lasciare una traccia indelebile nella storia dei trasporti, è diventato un autentico fenomeno di costume per tutte le generazioni successive. Forme semplici ed eleganti, praticità e comfort di viaggio, sono state alcune delle caratteristiche che hanno assicurato al popolare “scooter” un successo irripetibile. A settant’anni dalla nascita, la Vespa si è affermata in ogni parte del mondo divenendo un’autentica icona delle due ruote. Questo volume ripercorre l’affascinante “epopea” della Vespa dagli esordi ai giorni nostri, attraverso centinaia di immagini e preziosi documenti d’epoca. L’opera prevede una sistematica catalogazione di tutti i modelli apparsi in questi ‘primi 70 anni di storia’, ognuno dei quali corredato da una dettagliata scheda tecnica.

 Disponibile anche l’edizione inglese: VESPA 70 YEARS The complete history from 1946

468 ad