100 anni Dodge

Risale a 100 anni fa la prima autovettura che portava il marchio di Horace Elgin Dodge e di suo fratello John Francis, ma l’azienda da loro fondata era già in attività dal 1900 come fornitrice di parti per automobili per le aziende automobilistiche di Detroit.

1915 Dodge Brothers Touring Car

La Dodge Model 30 del 1914

Dodge Brothers Protrait - John (left) and Horace (right)I fratelli Dodge

L’improvvisa morte di Horace per polmonite nel 1920 e poi di John nello stesso anno, a causa di cirrosi forse dovuta ad eccesso d’alcool, portò a varie difficoltà che portarono alla vendita dell’azienda prima alla Dillon, Read & Co. nel 1925 e poi alla Chrysler nel 1928, di cui è una Division tuttora, anche se la proprietà è passata, nel frattempo, alla Fiat.

01 Banthrico Dodge 1914  (1974)

Forse l’unica riproduzione della prima Dodge é questo salvadanaio in scala 1:24 della Banthrico

La prima Dodge, chiamata Model 30, nasceva nel segmento della Ford T, ma non potendo competere sul piano del prezzo, si poneva nell’ottica di una clientela che voleva qualcosa di più rispetto all’utilitaria di Ford, grazie anche ai suoi 38 cavalli al posto di 20. Fra l’altro era una delle primissime auto con carrozzeria interamente d’acciaio anziché in struttura mista con ossatura di legno. Il motore e la robusta trasmissione permisero ai Dodge di guadagnare in fretta una reputazione eccellente, specialmente nel settore dei veicoli industriali. Questi ultimi erano così apprezzati che furono prodotti perfino in Inghilterra, dove una fabbrica Dodge fu aperta a Kew, dove motori e trasmissioni americane erano montate su telai più adatti alle strade europee e perfino esportati su determinati mercati con il nome Fargo o De Soto.

03 Brooklin Dodge van 1936

Dodge van 1936, Brooklin, scala 1:43

02 Ertl Dodge Airflow Tanker

Dodge cisterna “Airflow style” 1938, Ertl, scala 1:36

Già nel 1916 Dodge era il secondo produttore americano dopo Ford e tale rimase fino al 1920. Con la morte dei fratelli i nuovi modelli Dodge erano fondamentalmente delle rifritture delle vetture precedenti e questo fece lentamente perdere vendite, respingendo il marchio al 7° posto fra i costruttori d’auto. La vendita alla Dillon, Read & Co. non migliorò le cose perché il nuovo presidente era un banchiere senza esperienza di auto. Per rimediare, nel 1926, furono acquisite quote della Graham-Paige e la direzione passò ai fratelli Graham che nel 1927 e 1928 presentarono nuovi modelli a 6 cilindri.

1938 Dodge Airflow Tanker Truck. (T-216)

L’autocisterna Dodge fotografata sullo spiazzo davanti al Chrysler Museum

Era chiaro che la Dillon, Read & Co. non era così interessata al business dell’auto se già nel 1928 aveva posto in vendita la sua azienda. E qui intervenne la Chrysler Corporation, che inserì il nuovo marchio fra la Plymouth, la De Soto e la Chrysler, razionalizzando l’offerta di modelli (che era arrivata a 19) e proponendo per il 1930 due sole linee di prodotto con tredici varianti in totale.

04 Solido Dodge pick up 1940

Dodge pick up 1940 “Pepsi”, Solido, 1:43

Negli anni ’30, nonostante gli effetti della “Grande Depressione”,  arrivarono anche delle 8 cilindri, mentre le vendite si erano rivitalizzate al punto da riportare Dodge al 4°posto. Forse per questo motivo Chrysler non si arrischiò a coinvolgere il marchio Dodge con l’esperienza delle Airflow, le innovative vetture che non piacquero al pubblico. Curiosamente l’Airflow styling fu invece adottato su alcuni veicoli industriali ed in particolare su delle cisterne aerodinamiche che ebbero un discreto successo e furono ammirate ovunque.

05 Solido Dodge WC 6x6

Dodge WC 6×6, Solido, 1:43

Nel 1939 l’azienda festeggiò il 25° anniversario con una serie speciale chiamata “Luxury Liner” , seguita da due completi restyling nel 1940 e 1941, e solo un leggero ritocco per il 1942.

1940s Dodge Weapons Carrier b

Dodge Weapons Carrier con antiaerea, 1942

06 Solido dodge commnd car vaucluse

Gippone Dodge 4×4 usato dai pompieri francesi nel dopoguerra, Solido, 1:43

A febbraio di quell’anno, in conseguenza dell’entrata in guerra degli Stati Uniti, Dodge puntò tutto sulle camionette e i veicoli pesanti 6×4 dell’esercito, che si guadagnarono sul campo la stima dei soldati che spesso furono tratti in salvo sulle robuste ambulanze a quattro ruote motrici.

1941 Dodge Two Ton Stake Truck advertisement

08 Gila WFA32 Dodge (4)

Dodge WFA 32 a cassone 1946, Gila Modelli, 1:43

07 Ertl Dodge 1947

Dodge pick up 1947, Ertl, 1:18

09 Lledo Dodge Power Wagon

Dodge Power Wagon 1952, Lledo, 1:72

11 Tekno Dodge

La Tekno danese produsse due serie di autocarri definiti come Dodge (questo è in scala 1:66), in cui le versioni in scala 1:43 avevano addirittura la scritta Dodge sui cerchioni. Ma in realtà si trattava di modelli di fantasia.

Finita la guerra Dodge, come quasi tutti i costruttori, capitalizzò sulla “fame” di auto nuove continuando a vendere i suoi modelli 1942 con minimi aggiornamenti fino al 1948.

10 Classic Metal W. 1950 Dodge

finissimo modello della Dodge Coronet 1950 realizzato da Classic Metal Works in scala 1:87

I modelli 1949-1950 ebbero uno styling austero e rigido, frutto di una intensa quanto sbagliata ricerca di mercato, una delle prime. Agli intervistatori, la gente comune non rispondeva veramente come avrebbe voluto che fossero le auto dei propri sogni. Per paura di essere derisi si limitavano a immaginare un’auto come un qualcosa di solido e con buon rapporto qualità/prezzo, mentre nel loro cuore tutti avrebbero voluto dare sfogo a fantasie futuriste. Mentre gli altri costruttori andavano incontro alle richieste della gente con sempre più cromature, colori brillanti e apparivano le prime pinne, le Dodge sembravano ferme all’immagine dell’attempato commendatore che usciva di casa solo per andare in banca o a teatro.

13 M2 Dodge Royal 1954

Dodge Royal hardtop 1954, M2, 1:64

12 Dinky GB Dodge Kew A-7 1954

Autocarro A-7 della Dodge Kew inglese, Dinky Toys GB, 1:70

Per rimediare, le nuove vetture del 1953 vennero affidate alla matita di Virgil Exner, estroso designer che seppe portare una ventata di giovanile freschezza nei prodotti  del gruppo Chrysler, aiutato dai primi e indimenticabili motori 8 cilindri a V con camera di scoppio emisferica (che nel caso Dodge si chiamavano Red Ram Hemi). Vennero perfino studiati modelli curiosi, come la Dodge La Femme, in color bianco e orchidea, studiata particolarmente per le donne e completa di curiosi accessori, come borsetta estraibile ed angolo per il trucco. Fu comunque con le carrozzerie “Forward Look“ del 1955 che finalmente la Dodge entrò in un’era di successi duraturi.

15 Dinky GB Dodge Royal

Dodge Royal four-door sedan 1958, Dinky Toys GB, 1:43

16 M2 Dodge C.o.e. semirimorchio

Autosnodato Dodge cabover 1957 con Chrysler 300 1957, M2, 1:64

17 Sunstar Dodge Custom Royal 1959

Dodge custom Royal cabriolet 1959, Sunstar, 1:18

18 Madison Dodge Dart 1960

Dodge Dart hardtop 1960, Madison, 1:43

1961 Dodge Dart Phoenix

Sopra la Dodge Polara hardtop 1961 e sotto il modellino della Lonestar, in scala 1:43

19 Lone Star Dodge Polara 61

1962 Dodge Dart 4-door

Sopra la Polara model year 1962 e sotto il modello telecomandato, in plastica, della Clifford di Hong Kong, in scala 1:25

20 Clifford Dodge Polara 1962

Nel 1961 Dodge entrò nel settore delle compact con la Lancer, che era un clone della Plymouth Valiant e che trovò tiepidi gli acquirenti, mentre la Dart del 1963 fu centrata fin dall’inizio e rimase uno dei modelli di maggiore successo per molti anni.

21 Greenlight Dodge D-100 1965

Dodge  D-100 pick up 1965, Greenlight, 1:64

22 Ixo Dodge Dart 1966

Dodge Dart 1966, IXO, 1:43

23 MPC Dodge Monaco 66

Dodge Monaco 1966, MPC, 1:25

Nel 1966 nacque la Charger, inizialmente un modello sportiveggiante con carrozzeria fastback basata sulla Coronet. Ebbe un buon successo anche nelle corse NASCAR ma divenne famosa solo quando il nuovo modello Challenger assunse i connotati di una pony car, alla stregua delle Ford Mustang e delle Chevrolet Camaro.

1966 Dodge Charger

Nel 1966 Dodge presentò la sua sportiva con carrozzeria fastback: la Charger

24 YatMing Dodge Charger 1966

Dodge Charger 1966, YatMing, 1:18

26 Matchbox Kew Dodge dumper 66

Dodge Kew 6×4 da cantiere, Matchbox, 1:76. La cabina era la stessa delle versioni americane

27 Highway61 Dodge Dart GTS 68

Dodge Dart GTS 1968, Highway61, 1:18

28 Revell 1968 Dodge Charger R-T

Dodge Charger  R/T 1968, Revell, 1:24

29 Greenlight Dodge Daytona 1969

Dodge Daytona 1969, Greenlight, 1:64

Fra gli sportivi andavano forte anche le Coronet R/T, le Super Bee, che erano basate su piattaforme full size.

La crisi petrolifera del 1973 lasciò la Dodge largamente impreparata: solo la Dart poteva reggere il colpo ed anche la più piccola Colt, che però era una Mitsubishi prodotta in Giappone e venduta negli USA attraverso la rete commerciale Dodge.

1970 Dodge ChallengerLa più amata Dodge sportiva: la Challenger 1970, miniaturizzata da Minichamps (sotto) in 1:43

31 Minichamps Dodge Challenger 197032 Hot Wheels Dodge Charger 1971  b

Dodge Charger 1971, Hot Wheels, 1:66

33 43street Dodge Challenger 1971

Dodge Challenger 1971, 43street, 1:43

Il gruppo Chrysler aveva delle risorse a livello internazionale e riuscì a mettere sul mercato una vera piccola, la Dodge Omni/Plymouth Horizon, derivandola dalla francese Simca Horizon, ma con un pianale completamente diverso studiato per il mercato americano.

34 Minichamps Dodge Monaco 1974

Dodge Monaco 1974 Fire department, Minichamps, 1:43

35 Johnny Lightning Dodge Aspen R-T 1976

Dodge Aspen R/T 1976, Johnny Lightning, 1:64

36 Johnny Lightning Dodge Monaco 1977

Dodge Monaco 1977, Johnny Lightning, 1:64

37 MPC Dodge Ramcharger 77

Dodge Ramcharger 4×4 1977, MPC, 1:25

Nella corsa a ridurre le dimensioni delle proprie auto il Gruppo Chrysler si mosse più lentamente di Ford e General Motors e questo portò la Corporation sull’orlo del fallimento.

Nel 1979 Lee Iacocca fu chiamato al salvataggio e ci riuscì con un intenso programma che vide un drastico ritorno ai motori a 4 cilindri di 2200cc (il cui basamento era derivato da quello della Fiat 132, perché non c’era tempo di progettarlo ex-novo) e introducendo un minivan chiamato Dodge Caravan, che contribuì al rilancio dell’azienda, al lancio di una nuova moda e al cambiamento dei gusti della clientela, che alla fine decretò il declino delle station-wagon a favore di questi pulmini da famiglia.

1985 Dodge Caravan SE

Dodge Caravan minivan 1984 al vero (sopra) e riprodotto da Matchbox in scala 1/66 (sotto)

39 Matchbox Dodge Voyager 1984

38 NEO Dodge Aries K-car 1983Dodge Aries K-car 1983, NEO, 1:43

Gli anni Novanta videro la Dodge ritornare ai modelli performanti, quando venne deliberata la messa in produzione della Viper, nel 1992. Aggressiva e leggera (la carrozzeria era composita), ma soprattutto mossa da un mostruoso motore con 10 cilindri a V, essa diventò una valida alternativa alla Chevrolet Corvette e la vettura da battere in gara.

40 MPC Dodge Daytona 1988

Dodge Daytona 1988, MPC, 1:25

41 Siku Dodge Viper 1994Dodge Viper coupé, Siku, 1:66

Nel 1998 la Chrysler si fuse con la Daimler-Benz (diventando Daimler-Chrysler) ed il gruppo venne razionalizzato sacrificando la Plymouth e cambiando lo status della Dodge che fungeva da un lato come entry level e dall’altro come marchio sportivo. É di questo periodo la Magnum, in versione berlina e Station Wagon, vettura che ebbe un buon successo in America, ma che rimase quasi sconosciuta in Europa, dove si preferiva vendere la corrispondente versione Chrysler.

1991 Dodge Viper Prototype Indianapolis 500 Pacecar

2012 Dodge Challenger Rallye Redline

Sopra la Dodge Magnum R/T e sotto il modellino di una Magnum della polizia, Busch, 1:87

44 Ricko Dodge Magnum Police

La Truck Division, da sempre molto apprezzata per i suoi pick up, era forse il ramo più attivo della corporation, merito proprio dei Dodge Ram, alcuni dei quali mossi dal motore V10 della Viper e perciò molto “muscolosi” e tanto graditi al pubblico da far meritare la nascita di un marchio personalizzato, chiamato semplicemente “Ram”.

1999 Dodge Power Wagon Concept

42 Kinsmart Dodge Power Wagon 2000 1-42

Il modello del concept Dodge Power Wagon 2000 è della Kinsmart, in 1:34

43 Cararama Dodge Intrepid II R-T 2000

Dodge Intrepid II R/T 2000, Hongwell Cararama, 1:43

45 Spark Dodge Magnum R-T 2005

Dodge Magnum R/T wagon 2005, Spark, 1:43

Fra i modelli Dodge più recenti troviamo un remake della Challenger del 1970, uscita nel 2008 con potenti motori V6 e V8.

46 Maisto Dodge Challenger 1-43Dodge Challenger , Maisto, 1:43

Nella primavera 2007 però, la Daimler cominciò a essere insofferente verso il marchio americano che non dava gli utili che ci si era aspettati e l’abbandonò. Il primo maggio 2009 il Gruppo Chrysler (quindi anche la Dodge) dichiarò bancarotta e se non fosse stato per la partnership con Fiat sarebbe passata alla storia.

I MODELLI

Non è possibile ricostruire con una certa sequenza la storia della Dodge attraverso i modellini perché, curiosamente, quasi nessun fabbricante si è interessato a questo marchio riguardo le auto del periodo anteriore al 1940. C’é un cabriolet 4 porte del 1936 della Liberty, in scala 1:34 che non è facile da trovare nemmeno su ebay. E ci sono diversi autoveicoli industriali leggeri e pesanti, oltre che i famosi Gipponi militari.

In attesa che il centenario ci porti qualcosa di interessante possiamo dire che anche per i modelli del dopoguerra ci sono diversi “buchi” e che le Dodge più famose (quelle sportive) le troviamo tutte, con molti doppioni e con vasta scelta di scale, ma le altre vetture, da famiglia, si contano col contagocce.

Per di più dobbiamo accontentarci di mettere in collezione modelli in scale non omogenee: qualcuno è in 1:43, altri sono in 1:24, pochi in 1:18 e parecchi invece in quella comoda scala 1:64, che furoreggia negli States e permette di avere un discreto garage Dodge in poco spazio.

Se proprio si vuole un modello della prima Dodge bisogna ripiegare su di un salvadanaio in simil-ottone, dall’aspetto piuttosto massiccio, prodotto dalla Banthrico, un tempo nota per i suoi promozionali perfetti sotto ogni punto di vista.

La National Products produsse alcune Dodge 1946-48, e un pick up del 1949-50, venduto anche in una rara versione canadese col marchio Fargo.

National Products Dodge 1948

Dodge sedan 1948, National Products, 1:25

Brooklin Dodge Weyfarer 1950Dodge Wayfarer cabriolet 1950, Brooklin, 1:43

A partire dal 1950 le cose migliorano. Oltre a qualche promozionale, cominciamo anche ad avere delle berline, sia pure in scala 1:87, dopodiché fra Dinky Toys, Sunstar, Lonestar e qualche modello artigianale, si riesce ad arrivare ai giorni nostri coprendo quasi tutte le annate della marca americana. Interessante fra tutte la rara Dodge Lancer La Femme del 1956, riprodotta in scala 1:64 da Castline, negli Stati Uniti.

1955 Dodge La Femme

 Sopra la Dodge Lancer La Femme vera, sotto il modellino della Castline in scala 1:64

14 Castline Dodge Lancer La Femme

 Naturalmente non possiamo mostrare tutti i modelli Dodge: fra Charger e Challenger i doppioni si contano quasi a decine e preferiamo mostrare una carrellata di modelli in scala che comprende anche qualcuno degli autocarri che portarono con fierezza questo marchio sulle strade e nei cantieri di mezzo mondo.

25 M2 Dodge Charger 1966

Dodge Charger 1966, M2, 1:64

Arriviamo ai giorni nostri con la piccola Dodge Dart GT, nata sotto l’egida Fiat e che abbiamo in un delizioso modellino in scala 1:64 della Greenlight, non facile da trovare nei nostri negozi, ma non impossibile da procurarsi sul web.

47 Greenlight Dodge Dart GT 2013Dodge Dart 2013, Greenlight, 1:64

2014 Dodge Dart GTs

La Dodge Dart in una foto ufficiale

2014 Dodge Dart Blacktop

L’abitacolo della Dodge Dart

468 ad